Fee only, il futuro dello scenario italiano

A
A
A
Avatar di Daniele Tortoriello 10 Febbraio 2021 | 12:27

Nell’ultima puntata di BFC Education – BlueAcademy, format televisivo legato alle iniziative formative di BlueAcademy, scuola di formazione del gruppo editoriale BFC Media, si è discusso con Massimo Scolari dell’attuale situazione dell’Albo dei consulenti finanziari e dei possibili scenari suggeriti dagli orientamenti espressi dalla Commissione europea.

Massimo Scolari, Presidente di Ascofind, Associazione per la consulenza finanziaria indipendente, è membro del consiglio direttivo dell’OCF, Organismo di vigilanza e tenuta dell’Albo dei Consulenti Finanziari, come rappresentante delle società di consulenza finanziaria.

A poco più di due anni dall’istituzione dell’Albo unico dei consulenti finanziari si è fatto un bilancio sull’andamento delle iscrizioni alle sezioni dell’Albo dedicate ai consulenti finanziari autonomi e alle società di consulenza finanziaria (SCF), che a oggi ammontano rispettivamente a 307 e 44 unità.

Il numero di nuovi ingressi, soprattutto giovani è ancora limitato. Tra i maggiori ostacoli per i giovani, si ricorda che la consulenza finanziaria in materia di investimenti rientra, ai sensi del Testo Unico della Finanza, tra i servizi e attività di investimento; ai consulenti autonomi e alle SCF, per la prestazione del servizio, sono richiesti adempimenti burocratici al pari degli intermediari abilitati, che devono essere seguiti scrupolosamente per non incappare in sanzioni penali e amministrative. Pertanto, in aggiunta al superamento dell’esame di abilitazione, tappa per nulla banale per chi non possiede i requisiti di professionalità, si sommano una serie di passi che ritardano la piena operatività sul campo e, soprattutto in fase iniziale, il supporto di associazioni o società già operanti è auspicabile se non necessario.

C’è da notare però che, come risulta dall’osservatorio di Ascofind, gli investitori richiedono un servizio di consulenza finanziaria più ampio, per cui la consulenza autonoma o indipendente, essendo in grado di rispondere in maniera più completa a queste nuove esigenze, dovrebbe svilupparsi nel prossimo futuro, senza trascurare che su tali prospettive pesano in maniera tangibile gli effetti dell’attuale crisi sanitaria e delle sue implicazioni economiche. Tra questi effetti, per moltissimi risparmiatori, si consideri il cambiamento degli obiettivi di investimento e della tolleranza al rischio. Questo vuol dire che i consulenti finanziari dovranno svolgere un lavoro rilevante nell’aggiornare la valutazione di adeguatezza degli investimenti proposti al profilo dei propri clienti.

Infine uno sguardo a quanto avviene in Europa. Nel documento di Action Plan verso la Capital Market Union la Commissione europea ha previsto l’introduzione dell’obbligo di una certificazione europea per i consulenti finanziari, che attesti il loro livello di conoscenza, di qualificazione e di formazione permanente, e deciso, entro il primo trimestre del 2022, di valutare la fattibilità della creazione di un’etichetta applicabile ai consulenti finanziari in tutta l’UE. La Commissione ritiene infatti che i consulenti finanziari svolgano un ruolo decisivo per il sistema finanziario, anche in tema di educazione finanziaria, per cui è ragionevole richiedere un certo livello di qualificazione, uniforme in tutti gli Stati membri. Tutto ciò conduce a ipotizzare un unico Albo europeo dei consulenti finanziari che consenta di prestare il servizio di consulenza in tutta l’Unione europea.

Al seguente link è possibile rivedere integralmente la puntata di BFC Education – BlueAcademy con Massimo Scolari

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Passaggio generazionale, due semplici strumenti da conoscere

Consulenza, Scolari entra in Conformis in Finance

Widiba, verso un consulente sempre più a 360 gradi

NEWSLETTER
Iscriviti
X