Dopo New York, anche a Milano l'arte è da record

A
A
A

Grande successo per l’asta di arte moderna e contemporanea ieri da Christie’s, vanno alla grande gli artisti italiani che anche grazie all’altissima qualità delle opere, avvicinano i più acclamati colleghi stranieri.

Stefano Porrone di Stefano Porrone27 maggio 2008 | 15:18

Secondo Mariolina Bassetti, direttore del dipartimento: “Un pubblico vivace in sala, la notevole competizione telefonica e le offerte online tramite Christie’s LIVE™ sono la dimostrazione del grande interesse suscitato dall’asta appena conclusa. Emilio Vedova, Tancredi, Emilio Scanavino, Scipione e Fabio Mauri hanno conquistato nuovi record mondiali”.

Giulio Sangiuliano e Renato Pennisi
, Co-Heads dell’asta hanno dichiarato: “Il mercato si dimostra molto selettivo, premiando le opere più rare e di maggiore qualità con risultati eccezionali. Una schiera di nuovi collezionisti dai gusti sofisticati si è aggiudicata i lotti più prestigiosi, totalizzando oltre 10 milioni di euro e confermando la solidità del mercato dell’arte italiana del XX secolo”.

Tancredi, "Natura e contemplatività", 1957, olio su tela, 100x140 cm. Stima: 180.000-250.000 euro. AGGIUDICATO A: 539.750 EURO Oltre alla conferma del ritorno al figurativo la netta sensazione, a giudicare dalle offerte in sala e ai telefoni, è che l’astrazione non sia più una tendenza ma un fatto ineludibile nella passione dei collezionisti. Oltre al record di Tancredi (nella foto, che con i diritti ha superato il doppio della stima massima), è stato raggiunto un nuovo record mondiale anche per Emilio Vedova con un’aggiudicazione di 776.750 euro per la grande tela del 1961-62 “Ciclo 61/62 N.2” (il record precedente era 622.700).

Risultato sorprendente anche per la “Superficie” di Enrico Castellani del 1973 stimata 80/120 mila euro ma alla fine di una lunga gara battuta per 403.400. Un altro Castellani (“Superfice rossa” del 1968) era stimato 130/160 mila ma è stato battuto a 210.000 (diritti esclusi). Il Salvatore Scarpitta del 1858 ha fatto 227.000. “Nero” di Agostino Bonalumi: 55.000 (diritti esclusi). Mentre il Mario Sironi degli anni Venti, stimato 200/300 mila è stato venduto a 200.000 (diritti esclusi) e il bel “Nudo di schiena” del 1930-31 di Felice Casorati, stimato 70/100 mila è arrivato a 115.000.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Con Widiba il Telepass diventa a portata di click

Da oggi i clienti Widiba potranno richiedere un nuovo apparato o trasferire da altro conto il Telepa ...

Mediolanum rischia l’indice

Il calo borsistico del titolo della banca dei Doris potrebbe farlo uscire dal paniere Ftse Mib. ...

Banca Generali, verso un anno record

Alzate le stime di raccolta 2017 a 6,5 miliardi. Utile dei primi 9 mesi oltre le previsioni. ...