Unicredit, prende forma il board dell’era Orcel

A
A
A
di Redazione 4 Marzo 2021 | 11:15
Tra le cinque new entry anche l’amministratore delegato di Wind, Jeffrey Hedberg. Il consiglio sarà composto da 13 elementi

La nuova fase di Unicredit è alle porte e con lei prende forma il nuovo board. Ad annunciarlo è lo stesso istituto di Piazza Gae Aulenti, il cui Cda ha presentato una lista di 11 nominativi su 13 membri del futuro Consiglio, coerentemente con quanto richiesto dallo Statuto, che prevede l’elezione di due amministratori tratti dalla lista che ha ottenuto il maggior numero di voti tra quelle di minoranza.

Al comando c’è dunque il prossimo amministratore delegato Andrea Orcel insieme al presidente Pier Carlo Padoan. Gli altri nomi sono quelli di Lamberto Andreotti,  Elena Carletti, Jayne-Anne Gadhia, Jeffrey Hedberg, Beatriz Lara Bartolomè, Luca Molinari, Maria Pierdicchi, Renate Wagner, Alexander Wolfgring.

Da sottolineare, l’elevata presenza di donne che occupano il 45% del consiglio. Lasciano sei elementi dell’attuale board, composto da 14 elementi, che sono Cesare Bisoni, l’ormai ex ad Jean Pierre Mustier, Diego De Giorgi, Stefano Micossi, Sergio Balbinot, Mohamed Hamad Al Mehairi.

Tra i nuovi, invece, c’è Jayne-Anne Gadhia, una manager-imprenditrice inglese di successo nel campo dell’open banking e della data analytics, ceo di Snoop di Londra ed ex ad di Virgin Money. Gli altri debuttanti, oltre allo stesso Orcel, sono l’ad di Wind, Jeffrey Hedberg, Luca Molinari e Renate Wagner.  Molinari è un esperto di private equity e M&A in quota Mubadala (società di Abu Dhabi prima rapresentata da Hamad Al Mehairi), mentre Wagner porterà in consiglio per conto di Allianz competenze relative al mondo dei mercati finanziari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit debutta nei certificati d’investimento lineari su indici tematici

Banche, Unicredit: concluso il buyback. Il quadro a Piazza Affari

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

NEWSLETTER
Iscriviti
X