Fineco, guerra aperta ai furbetti del conto corrente

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Marzo 2021 | 09:59
L’amministratore delegato e direttore generale, Alessandro Foti, ha spiegato al Sole 24 Ore le ragioni che hanno portato il suo istituto a voler chiudere i c/c oltre i 100mila euro senza prodotti di risparmio gestito o amministrato.

Una lotta contro le grandi ricchezze sterili, ma anche contro i cosiddetti furbetti del conto corrente che giocano con i tassi d’interesse. L’amministratore delegato e direttore generale di Fineco, Alessandro Foti, è intervenuto con un’intervista a Morya Longo sul Sole 24 Ore per spiegare le ragioni a riguardo della decisione del suo istituto di chiudere i conti correnti con giacenza superiore ai 100mila euro senza prodotti di risparmio gestito, amministrato o finanziamenti attivi (leggi qui).

Secondo il manager, i 1.745 miliardi di euro bloccati sui conti correnti degli italiani sono un freno allo sviluppo oltre a un rischio per i risparmi. “Il motivo per cui la Bce ha portato i tassi d’interesse in negativo è per rendere costosa la liquidità e dunque favorire il suo travaso verso l’economia reale”, ha spiegato Foti, “Ma se la liquidità resta intrappolata come in una palude sui conti correnti senza finire in consumi o investimenti, allora abbiamo un problema”.

E, in certi casi relativi alle grandi giacenze, possono addirittura nascondere forme di speculazione o di arbitraggio. Su quest’ultimo punto, si legge nell’articolo di Longo, a fronte di giacenze liquide molto importanti lasciate sui conti si nasconderebbero operazioni opportunistiche e, in alcuni casi, speculative. Manovre che nascono da un fatto: in Italia non è possibile applicare ai conti correnti tassi d’interesse negativi, cosa che hanno fatto alcune banche in altri Paesi. Da qui muoverebbero i cosiddetti “furbetti” del conto, investitori italiani o stranieri che in realtà investono in altri Paesi europei, ma poi depositano la liquidità in Italia perché in quei paesi i tassi dei conti sono negativi.

E, infine, non bisogna dimenticarsi dell’inflazione che quest’anno è attesa in aumento, non si sa ancora di quanto e se sarà strutturale, ma porterà con sé dei rischi: “Purtroppo l’inflazione erode il potere d’acquisto”, spiega Foti, “non vogliamo diventare complici di un grande esproprio di ricchezza”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sul tavolo Antitrust la tagliola sui correntisti troppo liquidi

Fineco, la raccolta rimane sopra al miliardo. Vola il gestito

Fineco, si apre l’epoca del risparmio digitale

NEWSLETTER
Iscriviti
X