Banche e fusioni, il grido d’allarme di Enria

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Marzo 2021 | 11:39

Le banche devono accelerare le fusioni, perché senza aiuti pubblici il sistema rischia un grave shock. Questo è, in sostanza, il messaggio che Andrea Enria, presidente del Consiglio di vigilanza della Banca centrale europea, ha recapitato al settore creditizio continentale.

Come riporta Il Sole 24 Ore, in un articolo del suo inviato a Bruxelles Beda Romano, Enria nella giornata di martedì 23 marzo ha detto davanti al parlamento europeo che “Sebbene le misure di sostegno pubblico attenuino i rischi, la profonda recessione causata dalla pandemia dovrebbe portare a un deterioramento della qualità degli attivi bancari. Questo deterioramento sarà probabilmente più evidente nei settori più colpiti dalla pandemia”.

Per l’economista, quindi, la fragilità del quadro generale richiederebbe per essere affrontato “Il consolidamento del settore bancario”. Fusione e aggregazioni, infatti, potrebbero portare a una minore frammentazione, sinergie e maggiore efficienza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche e gestito, i conti in tasca ai grandi manager

Credem, una pioggia di nuove assunzioni

Banche, Sileoni vuole lo stop alla regola del conto corrente in rosso

NEWSLETTER
Iscriviti
X