Pir, l’idea del cf Mediolanum di proporre più esenzioni

A
A
A
di Redazione 25 Marzo 2021 | 10:50

Tra le pieghe del decreto Sostegni spunta una nuova proposta per aumentare le esenzioni fiscali sui Piani individuali di Risparmio (Pir). L’idea è del deputato di Forza Italia nonché consulente finanziario di Banca Mediolanum iscritto a Ocf, Sestino Giacomoni, che vorrebbe innalzare il tetto dei Pir tradizionali – quelli pensati per una clientela retail – portando dagli attuali 30 mila ad almeno 60 mila euro l’anno l’investimento esentabile fiscalmente.

L’idea, come ha spiegato lo stesso Giacomoni a MF Milano Finanza, se applicata potrebbe portare risorse fresche in termini di liquidità alle imprese tramite canali alternativi a quello bancario. Una vera boccata d’ossigeno, insomma, per il ricco tessuto di Pmi tricolori che da sempre fanno i conti con la povertà di capitali.

Al momento si tratta solo di una proposta, ma già il precedente governo Conte aveva dimostrato una certa sensibilità ad agevolare strumenti come i Pir (l’esecutivo aveva infatti varato i famosi Pir col paracadute contro le perdite e nel Dl Agosto aveva innalzato la soglia d’investimento per i Pir Alternativi). Adesso potrebbe farsi largo anche questa novità, ma per saperne di più bisognerà almeno il termine per la presentazione degli emendamenti che è stato fissato per il prossimo 9 aprile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Reclutamenti, Mediolanum domina. Per Fideuram uscite in doppia cifra

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Banca Mediolanum, un record estivo

NEWSLETTER
Iscriviti
X