Reti e dividendi, Banca Generali batte tutti

A
A
A
di Redazione 29 Marzo 2021 | 09:50

Dopo la nota e discussa raccomandazione della Bce, rivolta a tutte le banche, di non pagare dividendi e/o attivare i buyback almeno fino al 1 ottobre 2020, è il momento di tornare a ragionare su questo tema.

A farlo è Milano Finanza che ha recentemente pubblicato uno studio di Equita sulle realtà più remunerative di Piazza Affari.

I primi dieci titoli a media e larga capitalizzazione quest’ anno presentano un dividend yield che va dal 5 ,8% all’11%. Significa che nel 2021 queste società per lo più appartenenti al settore finanziario (che lo scorso anno erano state invitate appunto a non remunerare gli azionisti dalle authority del credito), staccheranno una cedola che alle quotazioni attuali rende quasi come dieci Btp decennali (0 ,6%%). Dalla tabella elaborata pubblicata su Milano Finanza  emerge in prima posizione assoluta (tra tutti i titoli e prima tra le reti) di Banca Generali con un dividend yield dell’11% seguita da Banca Mediolanum con il 9 ,7%%, Generali con 1′ 8 ,7%% UnipolSai con il 7 ,5%, la stessa Equita con il 6,7%, Unipol (holding) con il 6%% , le risparmio di Tim con il 5 ,8%% , Snam con il 5 ,3% , Azimut con il 5 ,3% e A2A con il 5 ,2%%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, gran colpo da Azimut per il private

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X