Assogestioni, brindisi a un anno solido e con la vittoria sui Pir

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Aprile 2021 | 09:03

Numeri incoraggianti per tutta l’industria e la vittoria in tasca sul fronte dei Pir Alternativi. L’anno della pandemia è stato tutt’altro che negativo per Assogestioni. Il 31 marzo si è tenuta l’Assemblea annuale di categoria, nella quale il presidente, Tommaso Corcos, ha aperto i lavori illustrando agli associati le principali attività svolte dall’Associazione nel 2020, in un contesto reso difficile dagli effetti della pandemia di Covid-19 sulla congiuntura economica. Un anno chiuso con masse in gestione pari a 2.421 mld di euro e con una raccolta netta di circa 15 mld. Numeri che testimoniano la solidità del mercato italiano del risparmio gestito nell’affrontare un momento di particolare complessità e incertezza che ha colpito l’intero sistema economico, finanziario e sociale.

Tra i principali risultati ottenuti, sottolinea Assogestioni nel suo comunicato ufficiale, in primo luogo l’intervento normativo che ha ulteriormente innovato la disciplina riguardante i Piani Individuali di Risparmio recependo la proposta dell’Associazione di estendere gli incentivi fiscali previsti dalla normativa PIR a nuovi piani di risparmio, i PIR alternativi. Questa tipologia di fondi, complementare rispetto ai PIR tradizionali, rappresenta una nuova grande opportunità per valorizzare le ingenti risorse di risparmio degli italiani e metterle al servizio dell’economia reale. Un aspetto che assume ancor più significato nell’ottica della ripresa economica post Covid-19.

Nel corso della sua Relazione, il Presidente si è inoltre soffermato su altri argomenti di rilievo come:

(i) il supporto fornito alle società associate nel fronteggiare l’emergenza sanitaria attraverso l’individuazione di alcune misure normative finalizzate ad agevolarne l’operatività;
(ii) il lavoro svolto per la tutela dei diritti degli azionisti e per la promozione della cultura della governance tra gli operatori del mercato;
(iii) l’impegno per lo sviluppo del capitale umano dell’industria, con il progetto ICU che è proseguito nonostante le difficoltà provocate dalla pandemia;
(iv) la serie di eventi digitali organizzati dell’Associazione per dare continuità al dialogo con i professionisti del settore.

Sempre nel corso dell’Assemblea, i rappresentanti delle società associate hanno approvato all’unanimità il budget di spesa 2021.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, la (finta) frenata di febbraio

Raccolta Assogestioni, trionfano i gestori stranieri

Rendite finanziarie, nuova battaglia dei gestori contro la tassazione sul maturato

NEWSLETTER
Iscriviti
X