Consulenti, il futuro passa dall’empatia e dallo storytelling

A
A
A
Avatar di Redazione 12 Aprile 2021 | 10:37

La consulenza finanziaria cambia e con essa il modo di essere advisor, oggi sempre più chiamati a costruire il portafoglio nel migliore nei modi ma anche a saper coinvolgere, raccontare e a comprendere i reali bisogni del cliente. Questo è il quadro che emerge da un’indagine Eumetra, riportata su Plus 24 del 10 aprile, che ha interessato un campione composto da 803 investitori e 301 consulenti.

Daniela Russo ha interpellato Giuliano D’Acunti, country head Italy di Invesco per commentare i dati della ricerca. “Gli investitori”, ha detto il gestore, “hanno aumentato l’apertura a valutare”, in alternativa alla liquidità, “soluzioni d’investimento ma, data la maggiore consapevolezza e preparazione, gli investitori ricercano motivazioni capaci di andare oltre a quelle tecnico finanziarie”, per questo diventa fondamentale per i consulenti avere una buona abilità nello story telling. Per farlo, il mezzo principale è necessaria una maggiore formazione e buoni mezzi tecnologici a supporto.

Pensando al proprio futuro, infatti, il consulente si vede aggiornato (per il 60% dei rispondenti al sondaggio) e con migliori tecnologie di relazione (56%). E per il 57% del campione il consulente dovrà lavorare per diventare più bravo e più capace nell’interpretare i bisogni del cliente. Insomma, i consulenti sono consapevoli di dover mixare le loro molteplici competenze, al cospetto di un cliente che sarà sempre più consapevole e competente, per questo avrà bisogno di un professionista sempre più preparato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Last call, corso di preparazione all’esame per consulenti finanziari

Consulenti finanziari, nuovo attacco da un blogger del FQ

Consulenti e social, manuale d’istruzioni per vincere la paura di esporsi

NEWSLETTER
Iscriviti
X