Creval, Crèdit Agricole ferma i rilanci

A
A
A
di Antonio Potenza 16 Aprile 2021 | 11:52

La nuova offerta di Credi Agricole è finale e unica. E a ricordarlo è proprio il numero uno del credito francese, Giampiero Maioli.

I francesi proprio ieri hanno ritoccato l’offerta per Creval, passando da 10,5 euro a 12,2 per azione, più 0,3% se le azioni superano il 90%. Insomma Agricole non ha mezzi termini: vuole portare a casa l’operazione, cercando di spegnere eventuali speculazioni rispetto a ipotetici futuri ulteriori miglioramenti dell’offerta.

A quest’ultima, ieri sono state apportate 23.088 azioni, portando il totale a 10.696.536 azioni, pari al 15,63% dei titoli oggetto dell’offerta. L’andamento del titolo in Borsa segnala l’allineamento con la proposta francese. Probabilmente ha influenzato anche l’arrivo del governo Draghi ha apportato riflessi importanti sul settore bancario.

Per Maioli l’offerta rivista è “un riconoscimento importanti per tutti i soci Creval a conferma della bontà del progetto” e aggiunge: “punta alla valorizzazione del territorio e al sostegno all’economia reale”.

Mettendo sul piatto 140 milioni sul piatto pochi giorni prima della scadenza dell’offerta, fissata il 21 aprile, Agricole Italia mette in discesa l’operazione valutando Creval 0,47 volte in più rispetto al patrimonio tangibile.

Si attende adesso la risposta del credito valtellinese all’aumento dell’offerta, che alla prima proposta aveva risposto con un netto diniego.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

El Niño e l’impatto sulle commodity agricole secondo WisdomTree

Materie prime, l’outlook di Etf Securities per il 2017

Pressioni climatiche sull’offerta di caffè. Gli obiettivi tecnici del future

NEWSLETTER
Iscriviti
X