Aedes-Risanamento, mal comune…

A
A
A
di Redazione 17 Giugno 2008 | 10:30
Doveva essere l’anno della definitiva consacrazione, una sorta di eldorado per le società immobiliari che pregustavano già i profitti di importanti progetti in cantiere e i vantaggi fiscali delle SIIQ, sbizzarrendosi a pronosticare utili da capogiro. E invece a 12 mesi di distanza le perdite di due tra le più importanti società immobiliari sono nell’ordine del 60% e nel giro di poche ore, Aedes e Risanamento, hanno lasciato sul campo una buona parte della loro capitalizzazione.
La società guidata da [p]Luca Castelli[/p], dopo aver annunciato venerdì l’avvio di un’operazione sul capitale da 150-200 milioni per far fronte all’elevato indebitamento, ha perso nella sola giornata di ieri circa il 19% mentre alle 10 di oggi segna già un rosso del 7%, a 0,98 euro.
 
 
Allo scenario non certo favorevole, e al generale clima di scarsa fiducia degli investitori per il mercato immobiliare, si aggiunge poi la delicata situazione finanziaria e patrimoniale delle due società quotate che faticano a trovare soci.
 
 
Risanamento, che ieri ha perso il 4%, ha presentato infatti nell’ultimo bilancio un indebitamento netto di gruppo arrivato a toccare quota 2,5 miliardi di euro, in forte aumento rispetto ai 1,7 miliardi di fine 2006. 
 
 
Proprio per mettere una pezza a questa situazione, secondo rumors di stampa, la società guidata da [p]Luigi Zunino[/p] (nella foto) avrebbe dato in pegno a Intesa Sanpaolo le quote detenute nell’ex area Falck e sulla partecipazione del 10% di Ipi.
 
 
Ma la società immobiliare avrebbe anche manifestato una sorta di “promessa ipotecaria” sui due progetti, Falck e Santa Giulia, la cittadella firmata dall’architetto britannico Norman Foster che sorgerà nell’area di Montecity-Rogoredo, in cui sono riposte gran parte delle speranze di Risanamento per uscire dall’impasse.
 
 
Un aiuto in questo senso era già arrivato a fine aprile, quando l’istituto bancario guidato da Corrado Passera aveva garantito a Risanamento un finanziamento ponte da 150 milioni diviso in due tranche: la prima da 60 milioni con scadenza 30 settembre 2008 e una seconda da 90 milioni con scadenza a 12 mesi dalla data di sottoscrizione del finanziamento.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio, in Italia regna ancora la prudenza e il vecchio amore per il mattone

Mercati, Cina: rischio default nel settore immobiliare

Investimenti, immobilare: cos’è il flipping e quali rischi evitare

NEWSLETTER
Iscriviti
X