Santander non rallenta sul fronte reclutamento

A
A
A

Private Banking, ritorno alle origini. Potrebbe essere riassunta così la strategia che accomuna i grandi istituti finanziari che sono tornati con idee nuove, e maggior decisione, sul segmento private. Dopo anni in cui l’approccio commerciale, e il conseguente modo approssimativo di attrarre clienti facoltosi, l’hanno fatta da padrone ora è in atto un evidente tentativo di recuperare credibilità attraverso i servizi ad alto valore aggiunto come l’esclusività, l’offerta di prodotti su misura, la riservatezza. Tutti principi spesso sacrificati sull’altare dell’allargamento della base della clientela.

Avatar di Redazione23 giugno 2008 | 13:30
Questioni che certo non riguardano Santander Private Banking, struttura sbarcata qualche mese fa in Italia che si sta distinguendo non tanto per aver dato avvio ad una sorta di rivoluzione, ma quanto per la riscoperta della concezione originaria del private banking.
 
Il team guidato dall’amministratore delegato Stefano Boccadoro (nella foto) punta infatti a offrire un servizio di consulenza a livello globale, che si occupa di tutti gli aspetti che riguardano il patrimonio del cliente, come la pianificazione del patrimonio (successioni, strutture giuridico-fiscali, utilizzo di strumenti efficienti dal punto di vista fiscale); quella finanziaria (flussi in entrata e costi, profilo di rischio, consulenza d’impresa e immobiliare); la gestione del patrimonio (distribuzione strategica degli attivi, gestione del portafoglio, esecuzione degli ordini); così come un servizio bancario globale (prestiti, assicurazioni, credito, conti correnti, domiciliazioni). Un servizio dall’elevato valore aggiunto, che presenta caratteristiche distintive come l’architettura aperta, e trasforma il private banker, in pratica, nel direttore finanziario del cliente.
 
Negli ultimi giorni il numero dei “direttori finanziari” guidati da Boccadoro è cresciuto con l’ingresso di Maria Grazia Portera e Laura Lombardi Boccia, che lasciano Banca del Gottardo e Bnp Paribas.
 
Entro la fine dell’anno il team che attualmente conta 45 professionisti è destinato a raggiungere quota 70.

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Indosuez strappa due wealth manager a Santander

Credit Suisse strappa due private banker a Santander

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: boom polizze, la svolta tech “umana” di Mediolanum

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Doris: la consulenza va pagata

Per il ceo di Banca Mediolanum “l’advisory ha un valore da riconoscere”. I Pir? “Non sono tr ...

Widiba prende Corrado da Fideuram

La squadra di William De Rose, area manager Campania, si arricchisce di un professionista di ampia ...