Banca Mediolanum: una trimestrale con rialzi a doppia cifra

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 11 Maggio 2021 | 13:32

Banca Mediolanum ha chiuso i primi tre mesi del 2021 con un Utile Netto è pari di 133,4milioni, in crescita dell’85% rispetto ai 72,2 milioni del primo trimestre del 2020, grazie al forte miglioramento di tutte le linee di ricavo, al controllo dei costi operativi e ai positivi effetti di mercato. La consistente raccolta netta in prodotti gestiti ha contribuito a portare le Commissioni Ricorrenti a 342 milioni, nuovo record storico per i ricavi da core business. Il Margine da Interessi pari a 64,8 milioni, in crescita del 14% in controtendenza rispetto al mercato, è stato fortemente sostenuto dalle erogazioni alla clientela e dal minore costo della raccolta retail. Il Margine Operativo ammonta a 125,3 milioni, superiore del 26% rispetto al primo trimestre del 2020, “a dimostrazione dell’eccellente livello di efficienza operativa raggiunto”, fa notare il management.

Il totale delle Masse Gestite e Amministrate ha raggiunto quota 97.718 milioni, con un incremento del 5% rispetto al 31 dicembre 2020 e del 25% rispetto al 31 marzo scorso. Tale livello record è stato raggiunto grazie al determinante contributo della raccolta netta totale e alla performance positiva dei mercati nel trimestre. Gli Impieghi alla clientela retail del Gruppo si attestano a 12.580 milioni, in crescita del 4% rispetto al 31 dicembre 2020 e del 18% anno su anno. L’incidenza dei Crediti deteriorati netti sul totale crediti del Gruppo rimane estremamente contenuta ed è infatti pari allo 0,63%. Il Common Equity Tier 1 Ratio al 31 marzo 2021 conferma l’assoluta solidità di Banca Mediolanum attestandosi al 20,7%, includendo il positivo impatto della rivalutazione della partecipazione in Cedacri e senza capitalizzare l’utile del trimestre.

I volumi commerciali ammontano a 3.077 milioni, in flessione rispetto al primo trimestre del 2020 esclusivamente per effetto dell’iniziativa promozionale sui vincoli in conto corrente presente lo scorso anno. In particolare: la Raccolta Netta Totale è stata positiva per € 2.188 milioni, mentre la Raccolta Netta Gestita ha raggiunto 1.384 milioni, in consistente aumento rispetto ai 404 milioni dello scorso anno. I Crediti Erogati nel corso del periodo ammontano a 853 milioni, il 37% in più rispetto all’anno precedente. I Premi Assicurativi delle Polizze Protezione, inoltre, hanno registrato un aumento del 36%, raggiungendo 35,2 milioni. Il numero dei Family Banker al 31 marzo 2021 è pari a 5.530, grazie ai consistenti inserimenti in organico sia in Italia sia in Spagna, mentre il totale dei clienti si attesta a 2.234.338, in aumento del 3% rispetto alla fine del 2020.

Massimo Doris, ad di Banca Mediolanum ha commentato: “Archiviamo un primo trimestre 2021 strepitoso. Anzitutto desidero sottolineare la performance economica con un utile netto di oltre 133 milioni di euro, in netto aumento rispetto all’anno scorso. Al di là dei positivi effetti di mercato, questo risultato è espressione della sostenibilità del business strutturale, attestato dal trend di incremento del margine operativo, in aumento del 26%. E’ molto significativo poi l’incessante lavoro di efficientamento operativo, i cui esiti si leggono in una crescita dei costi decisamente inferiore rispetto a quella dei ricavi. Evidenzio infine che siamo ormai prossimi al rilevante traguardo dei 100 miliardi di masse in gestione e che la nostra capacità patrimoniale si mantiene stabilmente oltre il 20%, nonostante l’importante monte dividendi che siamo pronti a distribuire. Questo trimestre boom – conclude Massimo Doris – non va peraltro letto di per sé, ma si inserisce in un percorso di crescita continua di una azienda in piena salute”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, quando il family banker fa bene all’ambiente

Banca Mediolanum, tre film per tre servizi

Mediolanum e Notarify, una nuova alleanza

NEWSLETTER
Iscriviti
X