Banche, Mediobanca saluta Fininvest

A
A
A
di Antonio Potenza 18 Maggio 2021 | 11:30

Mediobanca cambia nuovamente la mappa dei propri soci. Come riportano Il Sole 24 Ore e L’Economia di Repubblica, questa volta ad uscire dai radar dell’istituto è un azionista di data storica del gruppo: la famiglia Berlusconi. Fin dal 2007 infatti, la banca fondata da Enrico Cuccia, aveva nel proprio board Silvio Berlusconi e family. Ieri la holding di famiglia Fininvest ha ceduto ai blocchi l’intero suo 2% a 9,814 euro, pari a 174 milioni.

L’operazione non è passata  inosservata  a Piazza Affari, Unicredit infatti ha operato come broker. A comprare dovrebbe essere stato Leonardo Del Vecchio, che con la sua holding Delfin è già stabilmente il primo azionista di Mediobanca. Non ci sono conferme ufficiali in realtà, tuttavia la modalità dell’operazione e l’indiscrezione su un compratore unico del pacchetto sono indizi che portano al patron di Essilor-Luxottica. In questo modo porterebbe la propria percentuale al 15,2% dall’attuale 13,2%. «No comment» dal fronte Delfin.

Nessuna sorpresa, se si considera che Del Vecchio ha l’ok di Bce a salire fino al 20% di Mediobanca come socio finanziario. Ma è certamente una mossa destinata a pesare negli equilibri della catena Mediobanca-Generali. Della compagnia assicurativa triestina Mediobanca è primo socio al 13% ma si confronta con il secondo socio, con oltre il 5%, Francesco Gaetano Caltagirone. L’imprenditore romano critica da tempo la linea del Leone guidato da Philippe Donnet. Di Generali, Del Vecchio intanto è terzo socio con il 5%, e a sua volta Caltagirone ha da poco rilevato l’1% di Mediobanca. Inoltre, in questo intreccio di percentuali   finanziarie, Del Vecchio è primo socio italiano di Unicredit con l’1,9%.

Tornando a Fininvest. La stessa azienda ha spiegato che l’operazione rientra «in una logica di razionalizzazione e di ribilanciamento del proprio portafoglio di investimenti finanziari». La vendita è avvenuta al prezzo di carico quindi senza registrare perdite o plusvalenze. In 15 anni comunque Fininvest ha incassato 60 milioni di dividendi. L’orientamento della famiglia Berlusconi, secondo fonti vicine alla holding,  è quello di diversificare nel settore bancario-finanziario, in un’ottica non industriale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Doris, il patto su Mediobanca tiene duro (almeno per ora)

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Mediaset torna in utile ma il mercato resta scettico sul business italiano

NEWSLETTER
Iscriviti
X