Azimut LI, nuovo investimento nel mondo del fintech

A
A
A
di Redazione 27 Maggio 2021 | 10:50

 Deep Tier, piattaforma fintech che offre supporto all’intera supply chain, dai capi filiera sino ai sub-fornitori, locali ed esteri, ha chiuso un round di co-investimento sottoscritto dalla piattaforma di innovazione B2B GELLIFY insieme al fondo Azimut Digitech Fund di Azimut Libera Impresa SGR.

L’idea alla base di Deep Tier è creare un nuovo modello di piattaforma fintech virtuosaaccessibile e scalabile, che permetta a tutti i soggetti della filiera di accedere a condizioni vantaggiose e a diverse forme di anticipo e finanziamento in modo rapido, indipendentemente dalle specifiche caratteristiche dimensionali, economiche e finanziarie sulla base della loro affidabilità industriale. Con questa operazione la piattaforma amplia i servizi offerti dai player di mercato esistenti, con diverse soluzioni, come il dynamic discounting, il factoring, il reverse factoring e l’invoice trading, che permettono di supportare le imprese lungo l’intera catena di fornitura.

Deep Tier è nata dalle competenze di Venture Building di GELLIFY, con il supporto del partner industriale Comer Industries, player globale nella progettazione e produzione di sistemi avanzati di ingegneria e di soluzioni di meccatronica, e di IUNGO, piattaforma di Supply Chain Collaboration leader in Italia, con oltre 100.000 aziende integrate e già parte del portafoglio di investimenti di GELLIFY, che consente di digitalizzare il processo di procurement ed ottimizzare la gestione della logistica.

La NewCo è stata creata dopo un lungo periodo di ricerca sulle opportunità ed attuali inefficienze del sistema di finanziamento e gestione dei rapporti di fornitura Infatti, secondo gli ultimi dati diffusi dall’Osservatorio SCF del Politecnico di Milano, più del 70% del mercato delle soluzioni di Supply Chain Finance (che in Italia ha un valore equivalente di circa 360 Miliardi di Euro), non ha accesso a fonti di anticipo, se non tramite condizioni particolarmente sfavorevoli e prezzi molto elevati stabiliti esclusivamente su dati dimensionali ed economici e raramente in base all’effettiva capacità di fornire prodotti di qualità nei tempi contrattualizzati con i capi filiera.

Sempre secondo l’Osservatorio sul Supply Chain Financing del Politecnico di Milano, a livello internazionale l’Italia vale il 3% del mercato potenziale mondiale del Supply Chain Finance che, a fine 2018 ammontava a 16.500 Miliardi di euro. Con circa 7.000 miliardi di euro di crediti commerciali, l’Asia rappresenta il mercato potenziale più ampio del Supply Chain Finance, trainata da Cina (3.000 miliardi) e Giappone (1.200 miliardi). Seguono le Americhe, con circa 5.000 miliardi, di cui oltre il 60% di pertinenza degli Stati Uniti d’America e l’Europa con circa 4.000 miliardi di euro, con Francia e Germania principali mercati di sbocco oltre all’Italia. Più lontane Africa (300 miliardi), dove il mercato è ancora limitato, e Oceania (250 miliardi), dove i tempi di incasso dei crediti sono più bassi.

La piattaforma Deep Tier coinvolge tutti i player della catena del supply chain financing. Tra questi i clienti, nonché i capi filiera che cercano soluzioni per migliorare la loro redditività e gestire più efficacemente la propria liquidità; i fornitori – ovvero le Pmi che vogliono accedere a forme di anticipi a tassi convenienti e ridurre i tempi di incasso migliorando la propria PFN (Posizione Finanziaria Netta) e gli Istituti finanziari (tradizionali e non) che vogliono aumentare la loro base clienti, i volumi di impiego, mitigando il rischio di queste operazioni.

“Questa iniziativa di Venture Building è un chiaro esempio delle dirompenti opportunità che si possono generare nell’ecosistema di GELLIFY, che ha dato vita ad un’azienda con un’eccezionale velocità nel go-to-market e profondi legami nel panorama industriale del nostro Paese”. Commenta Michele GiordaniManaging Partner e Fondatore di GELLIFY. “Deep Tier rivoluzionerà le tecnologie fintech con l’obiettivo di migliorare l’efficacia della supply chain, sprigionando il valore delle relazioni di business: faciliterà l’accesso ai finanziamenti per i fornitori di ogni dimensione e geografia, colmando il divario di conoscenza tra i leader del mondo industriale e le istituzioni finanziarie, permettendo ai primi di utilizzare strategicamente il finanziamento come fattore nelle relazioni industriali con i fornitori”.

L’impegno che Comer Industries dimostra nei confronti della sostenibilità si estende a questa iniziativa che ha come obiettivo il coinvolgimento della catena di fornitura” continua Marco StorchiConsigliere Delegato di Comer Industries. “Come capo-filiera si vuole trasferire ai propri partners lungo la catena del valore le proprie competenze nella gestione delle informazioni che saranno usate per velocizzare le scelte di gestione aziendale di breve e medio termine. In questo modo tutta la filiera può incrementare la propria competitività e concentrare le proprie risorse nel miglioramento delle attività manifatturiere.”

“L’approccio di Deep Tier, come quello di IUNGO, pone il fornitore al centro, mettendo a disposizione un set di strumenti finanziari tra cui scegliere, che tengono in considerazione il valore della relazione industriale all’interno della filiera” conclude Andrea TintiCEO e Founder di IUNGO. “Questa soluzione, integrata con la piattaforma IUNGO, è la risposta straordinaria che aprirà le porte del digital financing a tutti gli attori della filiera, in modo semplice ed immediato, partendo dai 100.000 attori del nostro network.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, nuova acquisizione nei private market

Azimut, un finanziamento a tutta energia

Azimut, un asso da Credit Suisse per la rete

NEWSLETTER
Iscriviti
X