Banca Mediolanum, Doris punta sull’all-in

A
A
A
di Antonio Potenza 28 Maggio 2021 | 11:36

Per Banca Mediolanum è il momento di rischiare.
Ne è convinto Massimo Doris, che praticamente cambia la visione della banca, fino ad ora votata a guardare la realtà attraverso opportunità e non attraverso i rischi. Parliamo quindi di una rivoluzione?

Come riporta l’intervista di Marco Ferrando per Il Sole 24 Ore, Doris non ha dubbi: “questo è il momento di buttarsi, adesso o mai più”. Tutto lanciato in avanti l’ad. La banca lo dovrà seguire in questa corsa verso il rischio. “Abbiamo una mole di risorse che non si è mai vista” ha sottolineato Doris, continuando: “persone che hanno voglia di tornare a vivere e a spendere, un premier che sa farsi ascoltare nel mondo, tassi destinati a rimanere basse per lungo tempo. Faccio fatica a vedere una situazione migliore”.

E non a torto Ferrando incalza, facendo notare come in realtà l’Italia sembri ancora piegata su sè stessa. Gli rivolta il coltello: proprio ieri Banca Mediolanum ha presentato una ricerca da cui emerge che tra le persone l’umore è cupo. Ma Doris è colto da uno sfavillante entusiasmo e risponde così: “A dire il vero oggi vediamo che gli ottimisti aumentano e i pessimisti diminuiscono, ma questi ultimi continuano a prevalere: così è difficile uscire dalla crisi”. Sottolineando come alla fine sia tutto un gioco di fiducia.

A proposito di fiducia, quella di Mediolanum con i propri clienti, sembra rinnovata ma lanciata ad un superamento dello stazionamento dei fondi nei conti correnti. Ecco che arriva il claim del rischio: “C’è da assumere un rischio calcolato” afferma l’ad, “Perché anche le scelte apparentemente più rischiose sul lungo periodo sono destinate a ripagare, e non poco”.  Un po’ come la questione Pir in Italia, sui quali Doris sembra essere attento a fare distinzione tra i tradizionali e gli alternativi. “Sono strumenti differenti” dice, cambiano i pro e i contro. Ammette che gli alternativi hanno ritorni più alti sul lungo periodo, ma la soluzione è “lavorare perché entrambi i canali godano dell’attenzione che meritano, senza ossessioni sui ritorni nel breve periodo”. E promette che Mediolanum ci ritornerà sull’argomento con un tour per promuoverli in Italia (sperando in presenza, dopo l’estate).

Uno slancio verso il rischio, ma ponderato. Alla tentazione del risparmio gestito e alla voglia di aggregazioni, Doris risponde mettendo sul tavolo l’amore “per la nostra indipendenza”. E per salvaguardarla è ovviamente necessario mantenere il controllo della banca. Il beneficio, punzecchia, andrà solo a chi incorporerebbe Mediolanum, di certo non a loro. Inoltre il gigantismo bancario sembra uno scenario che non alletta l’ad, che guarda ad esempi come Fineco e quindi ad un modello più concentrato sulla qualità e sull’identità che su “la contrazione dei muscoli”.

Insomma c’è da chiedersi quale sarà la visione futura di Mediolanum agli occhi del proprio numero uno. L’ad ha una risposta pronta e precisa anche qui e non si fa scrupoli d’ottimismo: “La vedo più grande, cresciuta in modo organico, da sola“.

Si rischia, ma con le proprie tasche.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, quando il family banker fa bene all’ambiente

Banca Mediolanum, tre film per tre servizi

Mediolanum e Notarify, una nuova alleanza

NEWSLETTER
Iscriviti
X