Osservatorio Private Banking: art advisory

A
A
A
Avatar di Manuela Tagliani 28 Luglio 2008 | 09:00
L’opera d’arte è da considerarsi a tutti gli effetti un’asset class alternativa.La diversificazione del rischio e il vantaggio fiscale sono i principali motivi che spingono sempre più clienti ad utilizzare questa forma di investimento. Non esistono, infatti, tasse sulle plusvalenze derivanti dalla compravendita di opere d’arte e non devono essere denunciate nella dichiarazione dei redditi.

Nonostante lo scudo fiscale riguardasse anche le opere d’arte detenute dagli italiani in cassaforte di banche all’estero, in pochi hanno deciso di rimpatriare le opere d’arte, a causa della normativa vigente in Italia. La legge 1089 del 1939 prevede, infatti, l’istituto della notifica ovvero la denuncia di possesso dell’opera d’arte (scultura, quadro od altro bene d’interesse artistico). In seguito a questa denuncia la Sovrintendenza ai Beni Artistici può decidere a sua totale discrezione se l’opera è d’interesse artistico, nel qual caso ne stima il valore e il luogo di conservazione, cosicché il proprietario non può più venderlo all’estero mentre può farlo in Italia dove però lo Stato Italiano ha il diritto di prelazione.

 
L’art advisory è nata all’interno del sistema dell’art banking negli Stati Uniti agli inizi degli anni ’80. Oggi è un servizio consolidato e strategico tanto che quasi tutte le banche d’affari straniere presenti in Italia offrono il servizio di art advisory grazie ad una qualificata struttura di consulenti interni coordinata dalla sede centrale.

E’ il caso di [s]Citigroup[/s] Private Banking che offre questo servizio da oltre 20 anni grazie al proprio art advisory department situato  a New York. Ma anche istituti come [s]UBS[/s], [s]Credit Suisse[/s], [s]Bnp Pariba[/s]s e [s]Schroders[/s] hanno questo servizio da almeno 10 anni. Ubs si avvale di un proprio team di esperti a Basilea che si occupa di tutti i settori dell’arte e del collezionismo e possiede anche la maggior raccolta d’arte contemporanea al mondo dopo l’acquisizione della banca statunitense Paine Webber. Di lunga tradizione anche il servizio di Art Banking di Bnp Paribas Banqué Privéé che nel 1975  inaugurò in Francia il Conseil Investissement Art; dal 1992 il servizio è disponibile anche in Italia. Il servizio di art advisory di Schroders per la valutazione  e la custodia di opere d’arte e gioielli si trova all’aeroporto di Ginevra, porto franco, dove si possono custodire opere d’arte ma anche auto. Recentemente si è distinta anche [s]Deutsche Bank [/s] che ha inaugurato la DB Collection Italy, la nuova sezione italiana della DB Art Collection, una tra le più grandi collezioni di arte contemporanea al mondo.


Discorso diverso per le banche italiane che solo negli ultimi due anni hanno introdotto nella propria offerta questo servizio ma solo in outsourcing, ovvero stringendo rapporti di collaborazione con società di consulenza specializzate nel campo dell’arte come la ArtService, l’Artfin Consulting o la Eikonos Arte o con case d’aste italiane ed estere.

Così accade per le seguenti banche: [s]Unicredit[/s]  Private Banking, [s]Intesa Sanpaolo[/s] Private Banking, Banca Cr Firenze, [s]Banca Sella[/s], [s]Banca Popolare Italiana[/s], [s]Credem[/s], Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, [s]Mps[/s], [s]Banca Lombarda[/s], [s]Capitalia[/s], [s]Bnl[/s], [s]Bpu[/s] [s]Banca Aletti[/s] e [s]Banca Profilo[/s].

Dal 1998, Unicredit Private Banking è attiva in questo campo grazie alla collaborazione con Christie’s. Nel 2004  Unicredit Private Banking ha aperto un ufficio interno di art advisory diretto da Domenico Filipponi, esperto proveniente da Christie’s e nel dicembre del 2006 ha varato alcuni indici sull’arte Upb ArsValue Index, calcolato grazie alla consulenza di ArsValue società specializzata sul mercato italiano  dell’arte del ‘900.

Ersel Sim e Deutsche Bank  si avvalgono della expertise della casa d’aste inglese Sothesby’s per organizzare aste ed eventi. Intesa-Sanpaolo Private Banking sponsorizza vari eventi ed è presente alla Triennale di Milano e alla Miart. Nell’art banking si avvale della consulenza di Eikonos Arte. A fine 2004 ha lanciato un servizio di leasing per le opere d’arte.

Banca Akros (Gruppo Banca Popolare di Milano) ha firmato un patto di collaborazione con la Galleria d’Arte Lawrence Rubin ed altri consulenti d’arte.

Banca di Roma e le altre banche del Gruppo Capitalia utilizzano, invece,  la propria struttura interna del Monte dei Pegni per organizzare periodiche mostre d’arte e sessioni d’aste nella capitale, ma utilizza anche alcuni servizi di Artfin Consulting.

Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza si avvale dell’expertise di Porro & C. Art Consulting, mentre Mps e Ber Banca ricorrono agli esperti di ArtService.

A fine 2004 è partito il servizio di art banking di Banca CR Firenze e Banca BSI. Quest’ultima ha lanciato, ad inizio del 2006, un nuovo servizio di art advisory in collaborazione con la londinese FAIR (Fine Art Investment & Research) unità di consulenza nel campo dell’arte di Fine Art Management Services LTD, società che gestisce anche The Fine Art Fund.

Anche la Banca del Gottardo è molto attiva in ambito artistico-culturale: possiede una propria Galleria d’arte a Lugano (Galleria Gottardo) e vanta una partnership decennale con la Peggy Guggenheim Collection di Venezia, nell’ambito della quale vengono organizzati eventi molto esclusivi per la clientela.

Deutsche Bank ha inaugurato la DB Collection Italy, la nuova sezione italiana della DB Art Collection, la più grande collezione di arte contemporanea al mondo.

La quasi totalità dei “family office” presenti nel nostro paese offre il servizio di art advisory (prevalentemente in outsorcing).

A maggio del 2006 è nata Ass.I.Art (Associazione Italiana per l’Art Advisory) fortemente voluta da Alberto Rigotti (presidente di Abn Network e di ArtService). Oltre ad ArtService hanno aderito alla associazione ArtFin, Eikonos Arte, E-Art Consulting, lo Studio Legale Cbm & Partners e quello assicurativo Gpa Assiparos di Massimo Ciaccio.

In Italia i primi cinque operatori del settore sono:

1. Sothesby’s,
2. Christie’s,
3. Casa D’Aste Finante Semenzato spa
4. Casa Delle Aste Meeting Art spa
5. Porro Art Consulting

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arte da condividere

Eredità di valori

Maastricht: Per 10 giorni capitale mondiale dell’arte

Il Lotto sbanca le scuderie

Gli impressionisti di Sotheby’s e la beneficenza

The Italians re di Londra

Bronzino, pittore e poeta di corte

Lehman Brothers, all’asta i tesori per pagare i debiti

“I colori del buio. I Caravaggeschi nel patrimonio del Fondo Edifici di Culto”.

Basilea, capitale mondiale dell’arte

L’arte moderna di Sotheby’s a Milano

Maastricht, capitale mondiale dell’arte

Natura e simbolo dal ‘600 a Van Gogh

Da Sotheby’s New York all’asta gli antichi maestri

In asta il Leonardo d’america

Arte – San Giovanni di Leonardo a Milano

MILANO, Grattacielo Pirelli, la regione dà luce all’arte

Quattro secoli di capolavori dalla Fondazione Longhi a Padova

Dodici vedute veneziane nel museo dell'antiquario della famiglia Agnelli

Capolavori Italiani in asta a londra

Fondazione Antonveneta con Telemaco Signorini in mostra a Padova

Finarte vince la gara per l'asta Alitalia

Emilio Longoni alla GAM di MIlano

Attacca col Tè la Gioconda, arrestata turista Russa

Ferragosto a milano? Festeggiamo Napoleone in uno dei musei più belli del mondo

Tentata estorsione ai danni di Sotheby's

C'è crisi? E Christie's punta sull'iPhone

Arte – De Niro truffato per 1 milione di dollari

Art 40 Basel: qualità eccezionalmente elevata, ottimi risultati

Basilea capitale del mercato dell'arte

Ferrari: asta record per una 250 Testa Rossa

Tiene l'arte moderna in asta ieri da Sotheby's

L'Italia dell'arte cede il passo agli Stati Uniti

NEWSLETTER
Iscriviti
X