Azimut, un dolce nuovo acquisto

A
A
A
di Redazione 4 Agosto 2021 | 12:59

Fondo Agroalimentare Italiano I (“FAI”) e Azimut Libera Impresa SGR S.p.A. (“ALI”), società del Gruppo Azimut, per conto del fondo di Private Equity AZ Eltif Ophelia, hanno siglato un accordo vincolante per l’acquisto di una quota di maggioranza del gruppo Albert, storico produttore italiano di semilavorati e prodotti finiti per gelaterie e pasticcerie.

Il gruppo Albert, fondato nel 1981 dalla famiglia Libralato, con sede e stabilimento a Scandolara di Zero Branco (TV), è tra i più conosciuti produttori al mondo di ingredienti per la produzione di gelato artigianale e prodotti di pasticceria con particolare attenzione alle basi liquide omogeneizzate ed alle puree di frutta in asettico. Una lunga esperienza nel settore e l’utilizzo di una tecnologia unica permettono ad Albert di rispettare i sapori della natura, conservarli in modo sicuro affinché possano essere impiegati da ogni artigiano per ottenere creazioni di alto livello e personalizzate. Il gruppo serve circa 850 clienti, tra gelaterie, pasticcerie e distributori, con una forte presenza estera (quasi l’80% delle vendite), soprattutto in Germania. Le linee strategiche di crescita prevedono il rafforzamento della presenza sul mercato italiano e il proseguimento dell’espansione internazionale, sia tramite crescita organica sia esterna con l’acquisizione di società strategiche.

A seguito dell’operazione, il nuovo assetto societario vedrà FAI ed ALI detenere il controllo del gruppo Albert al fianco del socio imprenditore Enrico Libralato che, ricevendo piena fiducia dai nuovi azionisti, ricoprirà il ruolo di Amministratore Delegato per guidare il gruppo Albert verso nuovi traguardi attraverso un percorso di continua e robusta crescita.

Enrico Libralato ha dichiarato: “Sono convinto che per poter continuare ad essere punto di riferimento nel settore degli ingredienti per gelateria e pasticceria, non potevamo non cogliere l’opportunità di condividere questo nuovo progetto di sviluppo, assieme a due grandi gruppi come i Fondi FAI e ALI. Nel ringraziarli, posso affermare che ho accettato questa nuova sfida consapevole che il “patto con la natura” che Albert ha stretto 40 anni fa continuerà ad essere rinnovato nella rinomata qualità e alta innovazione dei nostri prodotti”.

Francesco Orazi, Gestore del Fondo Agroalimentare Italiano I, ha dichiarato: “Attraverso la nostra rete di contatti nel settore agroalimentare saremo particolarmente attivi nel supportare lo sviluppo di Albert per rafforzarne il forte posizionamento competitivo in un settore distintivo del “made in Italy”. Siamo lieti che Enrico Libralato abbia voluto condividere con noi ed ALI l’ulteriore percorso evolutivo nella vita della società”.

Matteo Bruni, Partner di Azimut Libera Impresa SGR, precisa: “Albert rappresenta una delle migliori opportunità in un settore dinamico e soggetto a molteplici innovazioni di prodotto. Crediamo che il gruppo, grazie alla guida di Enrico ed al supporto di FAI e nostro possa raggiungere importanti risultati”.

FAI e ALI sono stati assistiti da Gitti & Partners, Studio Legale Giovannelli e Associati in qualità di advisors legali, Goetz Partners per la Business Due Diligence e da Grant Thornton per la Financial e Tax Due Diligence, Studio Linko Farinazzo in qualità di advisor finanziario.

Berto & Associati ha assistito il Gruppo Albert.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, gran colpo da Azimut per il private

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X