Banche, manovre e ipotesi sul terzo polo

A
A
A
di Redazione 17 Agosto 2021 | 10:15

E’ sempre più tangibile la possibilità di un terzo polo nel settore bancario in Italia con una potenziale aggregazione tra Banco Bpm, Bper e Popolare di Sondrio, uno scenario in cui Unipol gioca un ruolo chiave.

La verifica su Mps da parte di UniCredit in vista del possibile matrimonio tra i due istituti ha infatti dato il via alla seconda fase del risiko bancario, iniziato nel 2020 con l’intregazione di Ubi Banca in Intesa SanPaolo. E ora sotto riflettori si profila la terza fase del processo di M&A, come voluto dalla Bce visto anche che nel sistema entreranno oltre 200 mld di euro attraverso in Pnrr  che saranno gestiti dalle banche e di fronte alla necessità di avere degli istituti capaci di rispondere alle nuove necessità del fintech e fronteggiare i nuovi competitor nel settore del credito.

Il terzo polo

Il terzo polo bancario ruota intorno a Banco Bpm, Bper e Popolare di Sondrio. In particolare, Bper e Pop Sondrio hanno come azionista comune UnipolSai. Logica vorrebbe che, come riportato da Avvenire, intorno a Unipol, Bper e Pop Sondrio si consolidasse anche Bano Bpm. Se ne parlerà  tuttavia molto probabilmente nei prossimi mesi perché, come ha fatto notare l’d di Banco Bpm Giuseppe Castagna,  al momento non c’è nulla sul tavolo. Banco Bpm ha di recente ha ridefinito anche gli accordi di bancassicurazione con Cattolica e Covéa per garantirsi maggiore flessibilità strizzando così l’occhio a Unipol, che a sua volta punta ad allargare la rete.

Tutti dovranno però fare i conti con UniCredit, dove Orcel una volta sistemata la questione Mps potrebbe puntare a Banco Bpm.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Hype lancia i conti deposito

Banche, perdite di +300% su prestiti rischio green

Banche, S&P migliora l’outlook di tre istitituti italiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X