BNL- BNP Paribas con WePlanet per l’ambiente

A
A
A
di Redazione 2 Settembre 2021 | 16:34

Due grandi sfere campeggiano in Piazza Lina Bo Bardi a Milano, di fronte alla Torre Diamante, sede del Gruppo BNP Paribas in Italia: la Banca, attraverso la propria Divisione “BNL-BNP Paribas Private Banking & Wealth Management” sostiene l’esposizione open air della start up We Planet “100 Globi per un Futuro Sostenibile”, che prevede installazioni in numerose strade e piazze del capoluogo lombardo. BNL-BNP Paribas ha adottato due delle opere rispettivamente dedicate all’ambiente (dal titolo “Impronta verde”) e alla ricerca scientifica (“La ricerca per un mondo che cambia”).

Isabella Fumagalli, Responsabile Divisione BNL-BNP Paribas Private Banking & Wealth Management: «L’adesione alla mostra di We Planet conferma il nostro impegno e il sostegno ad iniziative che sono frutto di concrete idee innovative, capaci di coinvolgere la Società diffondendo sensibilizzazione e consapevolezza su temi globali».

Stefano Schrievers, Responsabile BNL-BNP Paribas Wealth Management: «Sviluppiamo con impegno e convinzione una strategia di business ad impatto positivo in termini di attenzione e benessere per le persone e rispetto dell’ambiente per un futuro migliore, condividendo scelte responsabili e mirate con i nostri clienti, attraverso soluzioni, servizi e prodotti sostenibili».

Il globo “Impronta verde”, degli artisti Momi e Riccardo Zanazzi, vuole richiamare “fisicamente”, attraverso i rilievi tracciati sulla sfera, il segno che le nostre scelte lasciano sul mondo e nel mondo, come un’impronta digitale che può modificare in modo significativo l’ambiente che abitiamo, portando così la nostra attenzione verso la comune responsabilità nei confronti della Terra.

“La Ricerca per un mondo che cambia”, realizzato da Momi è il titolo del secondo globo dedicato alla partnership trentennale di BNL-BNP Paribas con la Fondazione Telethon, impegnata nella cura delle malattie genetiche rare. Il globo rappresenta i continenti “popolati” dai nomi delle moltissime malattie studiate, mentre gli oceani di un bianco candido rappresentano lo spiraglio di luce che si intravvede anche in periodi di buio. Ciò porta un messaggio di speranza e di concreta fiducia nella scienza, che va per questo sostenuta con i piccoli-grandi contributi di ognuno.

100 Globi per un futuro sostenibile” di We Planet nasce per sensibilizzare e raccogliere fondi a favore dell’ambiente e della salute dei cittadini, in coerenza con le tematiche e gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030.

Le opere, in plastica riciclata (diametro 1,30 m. e altezza 1,70 m.), sono esposte fino al 7 novembre, per poi essere battute all’asta e il ricavato devoluto a ForestaMi, Ospedale Niguarda, Fondazione Umberto Veronesi e Fondazione Progetto Arca Onlus. L’evento è patrocinato dal Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero dell’Ambiente.

Il ricavato dell’asta della sfera “BNL per Telethon” sarà devoluto alla Fondazione Telethon, in coerenza con l’impegno della Banca, come di BNL – BNP Paribas Wealth Management, incrementando una raccolta fondi che in trent’anni di partnership ha superato i 310 milioni €, supportando più di 1.630 ricercatori, finanziando 2.704 progetti di ricerca e lo studio di 586 malattie genetiche rare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Esg e sostenibilità: arriva la salita

BlackRock, capitali banche: se il clima va in crisi

Generali, la compagnia del green

NEWSLETTER
Iscriviti
X