Generali, per i soci è tempo di mostrare le carte

A
A
A
di Antonio Potenza 14 Settembre 2021 | 10:46

Il primo showdown nella campagna su Generali è in agenda oggi. In giornata i due schieramenti misureranno la distanza dalle posizioni di partenza per iniziare a valutare possibili compromessi che evitino eccessivi spargimenti di sangue. A fronteggiarsi sono da un lato Mediobanca (che ha il 12,93% del Leone) con i De Agostini (1% circa) e dall’altro Francesco Gaetano Caltagirone (5,95%) e Leonardo Del Vecchio (5%) che sabato hanno annunciato la costituzione di un patto di consultazione in vista dell’assemblea per il rinnovo del cda del 2022.

Come scrive Il Sole 24 Ore, un patto aperto a terzi «con il consenso di entrambe le parti» e «purché la loro sottoscrizione non faccia sorgere un obbligo di Opa» e che potrebbe guardare ai Benetton (3,97%) e Cr Torino (1,3%). Inoltre, i due imprenditori si sono impegnati nel patto a tenersi informati su eventuali nuovi acquisti, a «fare tutto quanto necessario affinché non sorga in capo alle parti l’obbligo di Opa» e, a tal fine, si sono riconosciuti reciprocamente la manleva.

Non si capisce ancora se Caltagirone e del Vecchio stiano adottando simili precauzioni su Mediobanca. Il patron di Luxottica ha il 18,9% e Caltagirone il 3% con un’opzione su un altro 2 per cento. La Borsa per ora sembra ottimista e non pare scommettere su un combattimento. Generali infatti ha chiuso a 17,65 euro (+1,2%) e Mediobanca a 9,73 euro (+0,7%).

Nelle prossime ore è prevista una consultazione informale. I consiglieri non esecutivi di Generali, tutti eccetto Donnet che avrebbe dato disponibiità per un terzo mandato, si incontreranno in vista del cda del 27 settembre. Il cda sarà chiamato a decidere se avviare la lista del board. L’appuntamento potrebbe anche chiarire se Mediobanca è disposta ad arrivare al confronto in assemblea pur di difendere Donnet. Alla conta dei voti la scelta di presentare la lista del cda, voluta da Mediobanca e osteggiata dai pattisti, potrebbe passare: i consiglieri contrari alla soluzione sarebbero 4 su 13.

Mediobanca finora ha appoggiato la continuità, mentre Del Vecchio e Caltagirone chiedono un ricambio di governance, a iniziare da Donnet, per realizzare il salto dimensionale. Frattanto Generali si è confermata tra le «most honoured companies» del settore assicurativo all’edizione 2021 dell’All European Executive Team, la classifica annuale della testata Institutional Investor.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, gran colpo da Azimut per il private

Banca Generali, it’s Time to change

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X