Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

A
A
A
di Antonio Potenza 14 Settembre 2021 | 11:49

Il Sole 24 Ore esplica un dubbio lecito e taciuto, perché insomma a ben vedere i fatti le prove scarseggiano. Ma il quotidiano riporta un certo brivido comune a Piazza Affari, e anche tra gli spettatori esterni, che possa esserci – benché sottaciuta – la possibilità di un concerto.

Per concerto, secondo il Testo Unico della Finanza un’azione di concerto è l’azione congiunta di due o più azionisti sulla base di un accordo (espresso o tacito) con due finalità possibili: ottenere il controllo di una società quotata oppure contrastare gli obiettivi di un’Opa. La seconda ipotesi è esclusa.

Tuttavia il quotidiano ha raccolto in forma anonima i pareri di vari avvocati finanziari sulla possibilità di concerto e tutti hanno risposto che l‘eventualità è remota o fantasiosa, prima di tutto perché mancano le prove che questo possa avvenire.

A fugare i dubbi prima di tutto è la tipologia di patto esplicito instaurato tra i due (benché pensare che sia stato dichiarato non esclude che ci possano essere accordi ulteriori sottaciuti). L’accordo innazitutto è delimitato nel tempo, la loro azione è quindi delimitata al 27 settembre e sarà concentrata tutta sul cda. Una circoscrizione che dovrebbe lasciare fuori i due dalla possibilità di concerto.

Perché ci possa essere l’eventualità, ripetono gli avvocati, ci deve essere un accordo, anche tacito, e l’obiettivo deve essere quello di mantenere, acquisire o rafforzare il controllo su una società. In questo caso si tratterebbe di Mediobanca.

Tuttavia, rimane il nodo prove. Se la Consob trovasse le prove e se i due dovessero superare insieme il 25% di Mediobanca sarebbero costretti a lanciare un’Opa.

Inoltre, Caltagirone ha l’ok dalla Bce a salire in Mediobanca fino al 20% purché non interferisca nella governance. Dunque in ogni caso non potrebbe davvero controllare Piazzetta Cuccia.

Fatti i calcoli, dato che per Generali la soglia dell’Opa è del 25%, per oltrepassarla Caltagirone, Del Vecchio, Mediobanca e i Benetton dovrebbero accorpare le loro partecipazioni. Mediobanca tuttavia in questa ipotesi si trova dall’altra parte delal barricata, a sostenere la governance di Donnet. Insomma la possibilità del concerto è fugata sia per Mediobanca, che per Generali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Generali, arriva Marchetti. Caltagirone aumenta la sua quota

Generali, il patto Del Vecchio-Caltagirone si allarga

Generali, per i soci è tempo di mostrare le carte

NEWSLETTER
Iscriviti
X