Conti correnti: ecco quanto costano e quanto sono soddisfatti i clienti

A
A
A
di Redazione 16 Settembre 2021 | 14:32

Altroconsumo ha realizzato uno studio, volto a fotografare il cambiamento dei costi dei conti correnti nell’ultimo anno (analizzando gli ICC indicatori di costi pubblicati dalle banche tra maggio 2020 e maggio 2021), sia tramite sportello che online, e verificare al contempo il livello di soddisfazione dei clienti nei confronti delle banche.

Andando a indagare su tre profili tipo di correntisti diversi tra quelli individuati da Banca d’Italia (giovane, famiglia con operatività media, anziano con operatività media), risulta che i costi per i conti correnti con le operazioni online sono aumentati fino al 15%. Per quanto riguarda invece i conti correnti usati allo sportello, emerge un andamento piuttosto stabile con un lieve risparmio per i giovani (1%) e un lieve aumento per famiglie e anziani (2% e 3%).

Costi dei conti correnti: quali considerare

Gli interessi sui soldi che teniamo in banca sono pochi e stra-tassati, l’aspetto cruciale è semmai che il conto non ci costi troppo. Nel computo delle spese ve ne sono alcune fisse e altre variabili.

  • Tra i costi fissi figurano il canone mensile del conto corrente e quello annuale della carta di debito e della carta di credito, se chiesta alla stessa banca. Poi le spese di gestione del conto titoli e le spese di liquidazione interessi, che le banche applicano alla chiusura dell’anno per tirare le somme tra giacenze, interessi attivi, spese e interessi passivi. Infine ci sono le spese di comunicazione, per estratti conto e comunicazioni di trasparenza, e il canone dell’home banking. Non tutte le banche applicano tutti questi costi, in alcuni casi potrebbero anche essere tutti a zero.
  • I costi variabili dipendono dalle operazioni che si fanno. Ci sono le commissioni per i bonifici, quelle applicate ai prelievi agli sportelli di altre banche e quelle per i pagamenti Cbill o pagoPA. In genere più operazioni si fanno più questi costi salgono.
  • Un’altra voce di spesa è costituita dalle commissioni e dagli interessi sullo scoperto di conto: i soldi che la banca ti chiede quando vai in rosso. L’alternativa è il fido (una somma che la banca ti mette a disposizione oltre la tua giacenza) sul quale gravano comunque dei costi.
  • Infine non vanno dimenticate le tasse: imposta di bollo fissa di 34,20 euro l’anno su giacenze medie superiori ai 5.000 euro e la ritenuta del 26% sugli interessi eventualmente maturati.

Conti correnti: ecco quanto sono aumentati in un anno

Dal confronto tra l’indicatore di costo complessivo del 2021 rispetto a quello del 2020 emerge che per tutti e 20 i conti considerati i costi sono aumentati per quasi tutti i profili. Sono stati divisi poi i costi dei conti correnti con operazioni a sportello da quelli con operazioni online, per capire quali erano aumentati maggiormente. Gli aumenti più consistenti hanno riguardato i costi dei conti con operazioni online, cresciuti dall’11 al 15%, a seconda dei profili, rispetto allo scorso anno. Alcuni conti che erano a costo zero per l’operatività online non lo sono più, in qualche caso il costo è letteralmente raddoppiato. I costi dei conti con operazioni a sportello crescono meno, ma restano comunque ben più alti rispetto all’online.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, settore finanziario: cosa fare dopo le trimestrali

Banche, crediti deteriorati: arriva il diktat

Banca Widiba, è tempo di tornare in classe

NEWSLETTER
Iscriviti
X