Consulenti, Einstein vi può ispirare

A
A
A
di Redazione 24 Settembre 2021 | 10:32

A cura di Maria Grazia Rinaldi

Incoraggiare il pensiero divergente è fondamentale per chi decide di approcciarsi alla vita con maggior creatività. Il pensiero divergente permette di rompere modelli e soluzioni già esistenti indicando nuove possibilità e scenari. In psicologia il pensiero divergente è la capacità di produrre una serie di possibili soluzioni alternative a una data questione, in questa ottica un problema quindi non prevede una sola soluzione. Il pensiero divergente è strettamente correlato al pensiero creativo, alla fluidità. Ci aiuta a guardare le cose da nuovi punti di vista e a trovare soluzioni mai ipotizzate prima. Nel 1967 lo psicologo Joy Paul Guilford definì e differenziò il pensiero divergente da quello convergente. Il pensiero divergente si contraddistingue per l’originalità. Quando ci approcciamo infatti ad un problema con il pensiero divergente, ci doniamo l’opportunità di valutarlo da più punti di vista.

Pensiero convergente e divergente
A volte abbiamo delle difficoltà a farlo, non sempre ci risulta facile perché siamo cresciuti in un contesto, come per esempio la scuola, che premia le risposte giuste, penalizza quelle che vengono interpretate errate, imbrigliando così la creatività. Un contesto quindi che incoraggia spesso soltanto il pensiero convergente. Il pensiero convergente di solito viene applicato a situazioni che permettono un’unica risposta plausibile, che rimane dentro i limiti imposti dalla situazione stessa, rispettando regole già definite e codificate. Con questo non sto dicendo che sia sbagliato il pensiero convergente e giusto quello divergente, ma occorre comprendere quando ci è piu utile utilizzarne uno rispetto a un altro, o quando contemporaneamente. Non bisogna quindi avvicinarci al pensiero divergente e convergente come fossero in competizione essendo dei nemici, dovremmo invece immaginarli come degli amici che cooperano. Quando i due pensieri collaborano, stiamo allenando la nostra mente a lavorare su diversi punti di vista. Questo ci permette di arrivare a una visione completa che non consideri soltanto ipotesi logiche e consequenziali.

Relazione tra idee
Essere consapevoli che il pensiero divergente ci aiuta a trovare relazioni tra idee, concetti e processi che apparentemente non hanno alcuna relazione o connessione, ci può arricchire di nuovi punti di vista. Spesso di fronte a un problema, usiamo i verbi “cercare, trovare” riferiti alla possibile soluzione. Questi verbi presuppongono che la soluzione esista già e vada solo cercata o trovata nascosta chissà dove. Il pensiero divergente introduce un nuovo verbo, che io trovo meraviglioso, “creare”. Pensate che generatività metteremo in moto nel momento in cui decideremo di creare una soluzione. Uno strumento potente di cui disponiamo è dato dal domandare. Le domande ci aprono a nuove opportunità, scenari e di conseguenza possibilità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fisco, tutte le novità del decreto per i consulenti

Azimut, il migliore private & wealth management

Poste insegna come scegliere i consulenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X