Directa Sim: utile record nei primi sei mesi

A
A
A
di Redazione 6 Ottobre 2021 | 10:30

Directa SIM ha archiviato il primo semestre dell’esercizio in corso con un risultato netto di 3,9 mln di euro, l’116,7% in più rispetto allo stesso periodo del 2020. Il semestre ha poi registrato una crescita dei ricavi netti di oltre un terzo, passando da 9,37 a 12,52 mln di euro (+33,6%).

Le commissioni attive nette prodotte dai clienti sono cresciute di circa il 20%, portandosi a quota 7,3 mln (contro i 6,1 mln  del 1° semestre 2020).
I conti aperti complessivamente al 30 giugno 2021 erano 44.979 (+23,2%) rispetto ai 36.516 del 31 dicembre 2020, con acquisizione di 1.700 nuovi conti ogni mese: il nuovo posizionamento del business, ora esteso anche al segmento dei clienti “investor” ha consentito a Directa di raccogliere un ampio pubblico, giovane e recentemente digitalizzato, con un’attitudine all’investimento autonomo, oltre ad assicurare il presidio del tradizionale segmento di clientela “trader”.

Vincenzo Tedeschi, amministratore delegato di Directa Sim ha affermato: “I risultati del primo semestre, ottenuti in un contesto di mercato tornato alla normalità, confermano che la strada intrapresa ad inizio 2020 dalla nuova gestione, con il supporto dei soci e l’entusiasmo di tutto lo staff, era quella giusta. L’attrazione sul target degli investitori autonomi e consapevoli dell’offerta Directa è ora molto forte e sta accelerando, per fine anno contiamo di superare i 50.000 clienti, con un totale del patrimonio da essi detenuto superiore ai 2.500 mln €. Anche sullo storico target dei trader attivi Directa riporta risultati lusinghieri, pur in assenza degli eventi scatenanti la volatilità eccezionale dell’anno scorso; nel semestre, infatti, la market share di Directa nel settore del trading online è aumentata del 18% (dal 9,5% al 11,2% fonte TOLIS Borsa Italiana), mentre la market share relativa ai volumi “conto terzi” su MTA è aumentata dell’11% (dal 4,27% al 4,75% fonte Assosim), scalando di due posizioni, dall’ottavo al sesto posto, la relativa classifica. A partire dal secondo semestre di quest’anno sono affiancato alla guida dell’azienda da un gruppo di figure manageriali che ora comprende anche un secondo AD, Giancarlo Marino, e il CFO Andrea Busi a diretto riporto del CdA, per esplorare nuove opportunità di business in settori prima non coperti dalla SIM”.

Giancarlo Marino, co-amministratore delegato ha poi aggiunto: “I risultati del primo semestre hanno confermato la validità della strategia aziendale intrapresa, pur in un contesto macroeconomico che non ha precedenti. Nonostante nel corso degli ultimi tre anni siano proseguite le fusioni fra Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali, il numero delle banche convenzionate con Directa Sim resta molto elevato: 154. Tali Istituti mettono a disposizione più di 2200 filiali per la distribuzione del servizio di trading online della SIM. Questi dati ci portano pertanto ad essere molto ottimisti sui risultati che potremo raggiungere a fine esercizio, ma soprattutto ci danno ulteriore motivazione nel continuare a percorrere la strada intrapresa. Non da ultimo abbiamo allo studio il lancio di nuove aree di business che siamo certi potranno portare ulteriore valore, tanto alla SIM, quanto ai nostri partner e soprattutto ai nostri clienti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, da Lyxor e Directa il primo PAC in Italia senza commissioni

Directa chiude il 2020 con l’utile più alto da 10 anni a questa parte

Speciale ITForum: le novità di Directa e il trading sugli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X