Unicredit-Mps, la fiducia del mercato

A
A
A
di Antonio Potenza 7 Ottobre 2021 | 10:29

Le suppletive di Siena sembrano aver dato maggior sprint alla fusione tra Unicredit-Mps. Almeno è ciò che emerge dal sentiment degli operatori di mercato.
Ieri mattina, dopo una chiusura debole della vigilia, il titolo Unicredit ha aperto in progresso del 3 per cento. Per tutta la gioranta è cresciuto in modo spedito, fino a chiudere con un guadagno del 4,34 per cento a quota 11,836 euro. Risulta chiaro che sul mercato il sentimento è quello di fiducia nei confronti della realizzazione dell’acquisizione.

“A guidare gli acquisti, la convinzione diffusa che, dopo le elezioni toscane, sia più vicina l’acquisizione da parte di Unicredit del Monte dei Paschi di Siena” scrive La Repubblica. La benzina sul fuoco è sicuramente la decisione da parte dell’amministratore delegato Andrea Orcel di anticipare al 27 ottobre il consiglio di amministrazione. Durnate l’evento si  analizzeranno i dati della trimestrale al 30 settembre. Ci ha pensato, però, anche una dichiarazione di Marina Natale, amministratrice delegata di Amco, società controllata dal Mef, in audizione alla Camera che ha affermato «Su Mps – ha detto Natale – abbiamo un ruolo ben preciso: siamo partecipi di una transazione che ci vede agire come facilitatore di un derisking dell’operazione».

Insomma il comparto bancario italiano è in visibilio, con buon motivi di ottimismo. Tant’è che l’indice Ftse Mib ha chiuso ieri 6 ottobre a +1,95%, “anche in forza del ridotto spread tra Btp e Bund tedeschi”. Chiudono in terreno positivo anche: “Intesa Sanpaolo (+3,37 per cento a 2,503) che peraltro non appare coinvolta nel prossimo riassetto del sistema e tutte le potenziali attrici della ricerca di un nuovo equilibrio: ha guadagnato Mps (+2,62 per cento a 1,11 euro), come Bper (+3,52 per cento a 2,032 euro)”. Più di tutti, scrive il quotidiano, ha corso Banco Bpm (+5,62 per cento a 2,82 euro) dopo la dichiarazione del proprio ad Giuseppe Castagna, che nella mattinata aveva ribadidato la sua favorevolezza alla creazione di un terzo grande polo bancario nazionale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit-Mps, le nozze costano 7 miliardi

Mps, private e corporate insieme in una nuova divisione

Mercati: il Ftse Mib carica la molla

NEWSLETTER
Iscriviti
X