Iccrea – Ccb: “Non è tempo per noi”

A
A
A
di Antonio Potenza 2 Novembre 2021 | 11:22

Il risiko bancario sta perdendo giocatori. Dai mesi spumeggianti di inizio anno, ad una – almeno apparente – fascia di bonaccia nella quale all’orizzonte non si scorge nessun risvolto. Anzi, c’è chi si tira fuori dal tavolo di gioco. E osservatori si chiedono quanto il matrimonio sfumato tra Unicredit ed Mps abbia influito in questa dinamica, un po’ come se si fosse allontanata la paura e la pressione di un secondo polo bancario.

In questo placido scenario, l’evento più recente che fa tendere verso una visione del genere è il tentativo di  Cassa Centrale Banca (Ccb) con l’istituto genovese, poi tramontato.  Le capogruppo delle Bcc restano quindi concentrate sul lavoro di costruzione e crescita interna. “Lo escluderei decisamente perchè siamo impegnati in un grande lavoro di costruzione, non è questo il momento”, ha sentenziato a Radiocor il presidente di Iccrea Giuseppe Maino, continuando: “Poi aggregazioni al di fuori del credito cooperativo sarebbero motivo di allontanamento da quello che e’ il nostro sistema e credo proprio che sia da escludere”. Sulla stessa linea Carlo Antiga, vice presidente vicario di Cassa Centrale sottolinea: “Abbiamo chiuso l’esperienza con Carige” e quanto all’ipotesi di guardare ad altri asset sul mercato taglia corto: “No no. In questo momento no, stiamo valutando invece giustamente il nostro core business che e’ le banche cooperative al centro”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X