Credit Suisse, cadute e riorganizzazioni

A
A
A
di Redazione 5 Novembre 2021 | 10:21

Credit Suisse ha pubblicato ieri i risultati del terzo trimeste del 2021.  Come preannunciato, e ipotizzato, l’istituto elvetico ha delineato una nuova strategia aziendale. L’obiettivo, come scrivono Milano Finanza e Il Sole 24 Ore, è quello di superare un anno critico per l’istituto, caratterizzato da scandali piuttosto importanti.

Parlando di salute però non va meglio. L’utile netto si è attestato a 434 milioni di franchi svizzeri, in calo del 20,5% rispetto al corrispondente periodo del 2020. Meglio invece il fatturato, a 5,44 miliardi, facendo segnare un incremento del 5% su base annua. Hanno chiaramente pesato le spese per i contenziosi legali da 564 milioni, di cui 214 milioni legati al caso di corruzione in Mozambico.

Tuttavia, la banca ha battuto in entrambi i casi le attese del mercato. Gli analisti infatti avevano stimato profitto per 308 milioni e ricavi per 5,09 miliardi. L’istituto ha spiegato tale divergenza tra ipotesi e risultati: l’aiuto è arrivato dalla divisione di gestione patrimoniale. I ricavi netti, in questa unità, sono aumentati del 3% raggiungendo i 3,3 miliardi. Di conseguenza, il fatturato proveniente dai servizi di investment banking è balzato del 10% a 2,5 miliardi. Da ultimo, il rapporto Cet 1 è migliorato al 14,4% rispetto al 13% di un anno fa.

“Per gli ultimi tre mesi dell’anno, Credit Suisse si aspetta una perdita netta a causa di un onere una tantum da 1,6 miliardi di franchi relativo all’acquisizione della società Donaldson, Lufkin & Jenrette nel 2000 e di un calo dei volumi di mercato sulla scia delle mosse delle banche centrali” scrive MF.

Per quanto riguarda le mosse future, António Horta-Osório, chairman del Suisse, ha preannunciato che verrà chiusa la maggior parte delle attività di prime brokerage, “che forniscono servizi a hedge fund quali Archegos (che ha provocato perdite per 5,5 miliardi di dollari), con un taglio di oltre 3 miliardi di dollari all’investment banking (-25%). Queste risorse verranno trasferite alla divisione di wealth management fino al 2024″.

Si intensificheranno gl investimenti in tecnologia di circa il 60%, e si prevede l’assunzione di 500 private banker. L’obiettivo sarà gestire 1.100 miliardi, contro i 900 attuali, e di raggiungere ricavi riccorenti entro il 2024.

Novità anche lato struttura:  a partire dal prossimo gennaio, Credit Suisse  si semplificherà organizzandosi in sole quattro divisioni, raggruppando tutti i business di investment banking, wealth management e asset management in un’unica unità ciascuna, con la quarta divisione che sarà la sua banca svizzera.

 Intanto, Zurigo il titolo Credit Suisse sale dello 0,55% a quota 9,954 franchi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, l’outlook sulle banche di Algebris

Banche, attive moratorie su prestiti per circa 44 mld di euro

Banche, ecco la mappa degli aiuti di Stato sui prestiti

NEWSLETTER
Iscriviti
X