Reti, un altro trimestre di dati record

A
A
A
di Redazione 10 Novembre 2021 | 12:58

Assoreti ha comunicato i dati relativi al terzo trimestre 2021 del settore dell’advisory in Italia. A fine settembre la valorizzazione dei prodotti finanziari e dei servizi di investimento, distribuiti dagli intermediari associati tramite i propri consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, raggiunge il nuovo record di 756,8 miliardi di euro, con una crescita del 20,1% a/a e dell’1,6% nel confronto con giugno 2021. La componente finanziaria, assicurativa e previdenziale, nel suo insieme, è di 638,3 miliardi di euro, e rappresenta l’84,3% del patrimonio (+1pp a/a); 533,5 miliardi sono investiti in prodotti del risparmio gestito (il 70,5% del portafoglio) e 104,8 miliardi in strumenti finanziari amministrati (il 13,8%). La liquidità in portafoglio si attesta a 118,5 miliardi, con un’incidenza del 15,7% in portafoglio (-1pp a/a).

Paolo Molesini, Presidente dell’Associazione, dichiara: “Ancora un trimestre di dati record per il mondo delle Reti; la crescita costante delle masse e della quota di mercato sono la conferma che il modello della banca-rete è il modello vincente nel settore del private banking. Ringraziamo ancora una volta i clienti che dimostrano fiducia alle nostre banche”.

Risparmio gestito

La componente di portafoglio rappresentata dai prodotti del risparmio gestito aumenta del 20,7% rispetto all’anno precedente, coinvolgendo tutte le macro-famiglie di prodotto. La valorizzazione degli OICR, sottoscritti direttamente, risulta pari a 245,7 miliardi di euro, con un incremento del 21,2% a/a e un’incidenza complessiva sul portafoglio pari al 32,5%. La crescita è trainata dalle gestioni collettive aperte domiciliate all’estero, pari 217,3 miliardi (+21,9% a/a); deciso incremento anche per i fondi chiusi mobiliari (+54,7% a/a) che raggiungono i 3,6 miliardi di euro. La valorizzazione delle gestioni individuali aumenta del 23,9% a/a e raggiunge 81,3 miliardi, con un’incidenza in portafoglio del 10,7%; la spinta maggiore arriva dalle GPF (+30,5% a/a), pari a 38,9 miliardi, mentre le GPM salgono a 42,5 miliardi (+18,5% a/a). Il comparto assicurativo/previdenziale si attesta a 206,5 miliardi di euro, con una crescita del 18,9% a/a e un’incidenza in portafoglio del 27,3%. Le unit linked raggiungono 105,9 miliardi di euro (+19,5% a/a), i prodotti multi-ramo 36,5 miliardi (+36,4% a/a), le polizze vita tradizionali 46,6 miliardi (+6,5% a/a), mentre la componente prettamente previdenziale sale a 17,5 miliardi (+21,2% a/a). A fine mese, il contributo complessivo delle Reti al sistema degli OICR aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta a 438,3 miliardi di euro, con un’incidenza sul patrimonio totale investito in fondi pari al 35,6% (patrimonio gestito pari a 1.232,8 miliardi di euro – dato provvisorio).

Risparmio amministrato

La componente amministrata del portafoglio raggiunge i 223,3 miliardi di euro (+18,7% a/a). La crescita è trainata principalmente dai titoli (+26,4% a/a) ed in particolare dalle azioni (+59,6% a/a) e dagli exchange traded product (+46% a/a). Aumenta anche la liquidità ma a ritmi più contenuti (+12,6% a/a)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, cinque anni per prepararsi alla rivoluzione

Fideuram Ispb, ecco il piano per il 2022

Consulenti, in arrivo anche in Italia il programma Vanguard 360

NEWSLETTER
Iscriviti
X