Fineco, tassi negativi: arriva la sentenza dell’Antitrust

A
A
A
di Antonio Potenza 18 Novembre 2021 | 10:18

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ovvero l’Antitrust, ha chiuso il procedimento istruttorio contro Fineco, dopo la decisione contro i tassi di interesse negativo. La sentenza è arrivata: “l’Autorità ha accolto gli impegni presentati da FinecoBank per risolvere tale criticità” scrive Il Corriere della Sera.

L’istituto diretto da Alessandro Foti lo scorso a marzo ha aperto il vaso di Pandora. La decisione infatti era quella di chiudere i conti correnti dei clienti che avevano una giacienza media liquida pari o maggiore a 100.000 euro senza alcuna forma di investimenti. La mossa aveva puntato i riflessori sulla tematica dei tassi di interesse negativi (cioè si paga per avere i soldi, non per prenderli). Tuttavia l’Antitrust aveva prontamente aperto un’istruttoria per presunta pratica commerciale scorretta.

Come scrive Il Corriere della Sera, nella nota dell’organo si legge che: «Secondo l’ipotesi di avvio dell’istruttoria con questa modifica contrattuale FinecoBank poteva esercitare pressioni sui correntisti per indurli a sottoscrivere servizi finanziari e/o di gestione del risparmio, peraltro con condizioni economiche onerose, in modo da dirottare la liquidità superiore a 100.000 euro verso forme di finanziamento o di investimento più profittevoli per la banca e lasciando come unica alternativa per i clienti la chiusura del conto corrente. Si tratta però di un’alternativa penalizzante per i correntisti, considerati i costi a loro carico per il trasferimento del conto presso un altro istituto di credito».

Fineco però ha degli obblighi da rispettare. Deve illustrare «in modo oggettivo e senza fini promozionali», diverse opzioni per evitare il recesso. Tra queste ci sono, come riporta il quotidiano:
1 la ricontrattualizzazione individuale dei costi di conto corrente secondo listini predefiniti e senza discriminazioni;
2 il trasferimento senza spese della giacenza in eccesso su eventuali conti del cliente in altri istituti di credito;
3 l’utilizzo della giacenza in eccesso per l’acquisto gratuito di titoli di Stato italiani, che potranno essere venduti senza spese, o per l’acquisto di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, partecipazioni in Exchange Traded Fund e/o in altri Oicr) tramite la piattaforma online di Fineco in modo autonomo oppure tramite il supporto di un consulente finanziario della banca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intelligenza artificiale, il ruolo fondamentale di media e politica antitrust

Banche, gli incentivi alle fusioni sotto la lente Ue. In attesa dello sblocco dei dividendi

Utility, ok dall’Antitrust alla fusione A2a-Aeb e rimosso rischio di stop all’M&A pre-gare nel settore

NEWSLETTER
Iscriviti
X