Consulenti, l’anno che verrà

A
A
A
di Redazione 31 Dicembre 2021 | 10:58

Pubblichiamo di seguito una riflessione inviataci da un nostro lettore in merito al prossimo anno. Vi ricordiamo che potete sempre scriverci all’indirizzo mail [email protected]

Caro Bluerating, ti scrivo ancora perché mi piacerebbe mandare un messaggio ai colleghi in vista del prossimo anno, una sorta di augurio per il 2022. Ebbene l’augurio che mi sento di fare è in primo luogo di riuscire ancora una volta a proteggere il futuro dei nostri clienti. E’ quello più importante, la nostra missione. Non sappiamo quanto durerà questo momento di difficoltà, ma dobbiamo rimanere saldi di fronte alle avversità, mostrandoci ancora una volta capaci di essere un punto di riferimento costante per chi ci ha affidato i propri risparmi. Sono sicuro che ce la faremo, ancora una volta.

Poi voglio augurare a tutti di ricordarsi, giorno per giorno, della bellezza del nostro mestiere, per le stesse ragioni che vi ho appena elencato. Mi auguro poi che le opportunità offerte dai mercati (perché le opportunità ci sono sempre, anche, per non dire soprattutto, nei momenti di grande volatilità) vengano interpretate coerentemente dalle proposte commerciali delle aziende per le quali lavoriamo. Spero inoltre che il mondo istituzionale abbia un maggiore riguardo per una categoria di professionisti che è a mio avviso uno dei fiori all’occhiello della nostra Nazione.

Vi auguro infine, ma questo esulta dal mondo della consulenza, che possiate vivere serentamente il 2022. E se magari le circostanze vi metteranno alla prova, possiate comunque sentirvi in pace con voi stessi, consapevoli di avere dato tutto quello che era nelle vostre possibilità. Nono molliamo, non mollate. Un abbraccio a Bluerating e a tutti i colleghi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, la storia di Carlotta e Paolo

Consulenti, l’importanza della comunicazione strategica

Consulenti, come essere “quelli giusti” per i clienti

NEWSLETTER
Iscriviti
X