Banca Generali, una raccolta d’acciaio

A
A
A
di Redazione 11 Aprile 2022 | 10:12

Prosegue sotto il segno della positività la raccolta di Banca Generali, nonostante lo spauracchio geopolitico. Il totale degli afflussi netti a marzo è pari a €480 milioni, proseguendo nel trend solido dei mesi precedenti e dimostrando come Banca Generali sia un punto di riferimento per le famiglie anche nei contesti di crisi. La raccolta complessiva si è attesta a €1,5 miliardi da inizio anno.

Nonostante la forte volatilità sui mercati e la conseguente prudenza negli investimenti, la banca ha registrato flussi positivi anche nella raccolta in soluzioni gestite con €101 milioni nel mese (€567 milioni da inizio anno). Tra queste, il dato migliore è stato messo a segno dai fondi (€62 milioni nel mese, €213 milioni da inizio anno) supportati da strumenti funzionali alle dinamiche del momento, come i piani di accumulo e le soluzioni switch per sfruttare le opportunità di diversificazione derivanti dalle distonie dei mercati.
La parte predominante della raccolta del mese si è indirizzata verso scelte di risparmio amministrato con €383 milioni (€917 milioni da inizio anno), di cui €265 milioni in conti correnti che -nell’esperienza della Banca- verranno poi investiti secondo scelte ponderate di pianificazione finanziaria nei prossimi mesi.
Si segnala infine come il servizio di consulenza evoluta si confermi in crescita con nuovi flussi per €99 milioni da inizio anno e masse totali per €7,1 miliardi.

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Banca Generali, Gian Maria Mossa, ha commentato: “Un risultato robusto in un mese complesso per le preoccupazioni legate al conflitto che si aggiungono a criticità come inflazione e politiche delle banche centrali che hanno tenuto alta la volatilità. I nostri banker sono quotidianamente al fianco dei clienti nelle sfide per la tutela dei portafogli e la solidità dei flussi dimostra la qualità del lavoro così come l’efficacia della nostra offerta. L’impegno nelle soluzioni di risparmio progressivo, nella diversificazione tematica e negli strumenti tecnologici a supporto della consulenza evoluta, si confermano punti di forza con cui confrontarsi con le famiglie che riconoscono nel nostro modello un punto di riferimento per la protezione del patrimonio. L’interesse che ci arriva da professionisti di elevato standing interessati ad entrare in contatto con la nostra realtà e la crescente fiducia dai clienti ci fanno guardare con cauto ottimismo alla crescita dei prossimi mesi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X