Consulente, meglio Smac che tradizionale

A
A
A
di Redazione 31 Maggio 2022 | 11:42

Riportiamo di seguito un interessante post a firma Antonio Mazzone, recruiter e ideatore del progetto IronBanker, dedicato agli scenari futuri per la professione di consulente finanziario.

Sei un neo-laureato e per di piu’ under 30 appassionato di tecnologia e finanza?

Potresti diventare un consulente finanziario SMAC.
Una delle figure professionali piu’ ricercate da aziende SMACS (native Fintech, Insurtech e Banche/Assicurazioni tradizionali che hanno deciso di investire pesantemente nella trasformazione digitale).

Se hai gia’ fatto dei colloqui con aziende del settore e ti hanno proposto solo contratti di agenzia con apertura di PIVA, master clienti potenziali da preparare (ovvero una lista di nominativi di persone conosciute, amici, parenti etc..) e compensi di fatto solo a provvigioni o un contributo fisso a tempo + provvigioni, ti consiglio di lasciar perdere.
Non si tratta di societa’ SMACS ovvero di quelle che saranno e resteranno davvero competitive.

Il vero asset di valore per queste aziende non sono le masse in gestione apportate dai clienti, ma la quantita’ di informazioni pregiate dei clienti-investitori-consumatori.

Ad esempio i ” dati demografici digitali” e i commenti sulle “esperienza di acquisto” di servizi bancari-finanziari-assicurativi.

Saranno questi dati la vera miniera d’oro.

Ed un consulente finanziario, che abbia investito sulle proprie competenze SMAC e sull’uso di tecnologia SMAC, in grado di padroneggiare la relazione con la clientela (fornita dall’azienda SMACS) oggi ha un valore nettamente superiore al consulente finanziario “tradizionale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X