Credem, una mano alle famiglie in difficoltà

A
A
A
di Redazione 23 Agosto 2022 | 10:57

A seguito del maltempo che ha colpito diverse regioni italiane del centro nord, in particolare Emilia Romagna, Veneto, Toscana e Liguria, Credem, tra i principali e più solidi gruppi bancari nazionali, vuole dimostrare profonda vicinanza al territorio duramente colpito dal maltempo di questi ultimi giorni.
Nel dettaglio, le famiglie e le imprese con residenza o sede legale e operativa nelle regioni interessate, titolari di mutui ipotecari relativi ad edifici sgomberati e/o danneggiati anche parzialmente che si trovino in difficoltà a causa dei danni subiti agli immobili stessi, possono richiedere la sospensione della quota capitale o dell’intera rata del mutuo fino ad un massimo di 12 mesi.
La domanda di sospensione, fermo restando la regolarità del piano dei pagamenti, dovrà essere presentata alla filiale di riferimento corredata da un’autocertificazione che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’agevolazione.
Tale misura non comporterà alcun costo aggiuntivo né interessi di mora, fermo restando che gli interessi maturati durante il periodo di sospensione verranno corrisposti alla ripresa dei pagamenti e saranno distribuiti in parti uguali sulle rate residue del finanziamento.
“Esprimiamo il sostegno del Gruppo Credem a clienti, famiglie ed imprese colpite dal maltempo. Per supportarli in questo difficile momento abbiamo deciso di avviare la moratoria dei mutui in essere, un piccolo contributo per favorire il ritorno al benessere di chi è stato colpito da questa calamità naturale” ha dichiarato Maurizio Giglioli, Direttore Marketing Strategico Credem.
Il Gruppo Credem, tra i principali istituti bancari italiani e tra i più solidi d’Europa, è quotato alla Borsa Italiana ed ha un total business a fine giugno 2022, tra raccolta complessiva e prestiti, pari ad oltre 130 miliardi di euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti