Ocf, Marino in pole per la presidenza

A
A
A
di Andrea Giacobino 6 Settembre 2022 | 07:52
L’Abi vuole il senatore (che nel 2014 promosse il passaggio della vigilanza da Consob all’Organismo) per sostituire Rabitti Bedogni.

Il senatore Mauro Maria Marino (nella foto) è in pole position per subentrare a Carla Rabitti Bedogni alla presidenza dell’Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo dei consulenti finanziari (Ocf). Secondo quanto riporta oggi MF, infatti, l’Abi (uno dei soci Ocf) nella persona del suo presidente Antonio Patuelli, in vista della scadenza del mandato della Rabitti Bedogni, punta su Marino, classe 1963, torinese, senatore uscente per Italia Viva visto che recentemente ha deciso di non ricandidarsi.

Il nome di Marino è una garanzia per l’industria dell’advisory: fu lui, infatti, quand’era presidente della Commissione Finanze del Senato assieme ad altri parlamentari a presentare nel 2014 il disegno di legge (poi diventato legge) che stabiliva che l’allora Albo unico dei promotori finanziari si dovesse chiamare Albo unico dei consulenti finanziari e che le funzioni di vigilanza, allora attribuite alla Consob, passassero all’organismo costituito dalle associazioni professionali rappresentative dei promotori e dei soggetti abilitati, a cui oggi è demandata la tenuta dell’Albo, che avrebbe preso il nome il nome di Ocf. Nel 2017, poi grazie a un suo emendamento al decreto Salva Risparmio è stata ufficializzata la nascita del Comitato per l’Educazione Finanziaria in Italia di cui fanno parte 11 istituzioni tra cui lo stesso Ocf.

Il 14 settembre si terrà un consiglio dell’Anasf per indicare i nomi che faranno parte del consiglio Ocf. Attualmente l’associazione dei consulenti finanziari conta su quattro membri del comitato direttivo Ocf assieme al vicepresidente Maurizio Donato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti