Truffe, il sedicente consulente che si ispira a Bernie Madoff

A
A
A
di Redazione 19 Settembre 2022 | 10:57
A Firenze una nuova truffa milionaria secondo lo schema Ponzi

Le truffe sono sempre dietro l’angolo, e alcune cercano anche di replicare il più famoso “schema Ponzi” a discapito degli ignari investitori. Per chi non sapesse di come stiamo parlando, lo schema Ponzi è un modello economico di vendita truffaldino, ideato da Charles Ponzi, che promette forti guadagni ai primi investitori a discapito di nuovi “investitori”, a loro volta vittime della truffa.

Come scrive FirstOnline, l’ultimo caso su sui la Guardia di Finanza sta indagando coinvolge la città di Firenze, e vede come protagonista un presunto consulente finanziario di origini dominicane, tale Ronald Thomas Eufraciain che, pur non essendo iscritto all’albo dei consulenti abilitati alla raccolta del risparmio fuori sede, pare sia riuscito a truffare numerosi professionisti con la sua società Taurus.

Lo schema con cui operava il sedicente consulente finanziario pare fosse molto simile a quello utilizzato a suo tempo da Bernie Madoff, uno dei più grandi truffatori della storia. Si inizia con la promessa di rendimenti elevati per poi passare ai primi rallentamenti degli interessi motivati dalla crisi dei mercati; da qui il cliente inizia ad avere i primi dubbi sulla reale esistenza di un corretto sistema di gestione, per arrivare alla richiesta di chiarimenti in pubblico dei clienti ai gestori. Il tutto viene condito da rassicurazioni dei gestori, con l’ obiettivo di allungare il crollo del sistema di raccolta e gestione dei fondi, per finire con il crollo finale che solitamente arriva con la fuga del truffatore.

Secondo le prime indagini della Guardia di Finanza, condotte su delega della Procura di Firenze e ancora alle prime battute, pare che a cadere nella rete del truffatore sarebbero state circa una cinquantina di persone, con un danno che oscilla tra i 3 e i 4 milioni di euro. A far precipitare la situazione sarebbe stato il crollo del Nasdaq, in quanto il finto consulente avrebbe principalmente investito sui titoli più appetitosi del circuito high tech americano, che quest’anno sta pagando pesantemente la crisi dei mercati finanziari da quando è arrivata la stretta di politica monetaria della Fed.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti