Risparmio: dalla paghetta al consulente

A
A
A
di Redazione 3 Ottobre 2022 | 10:47
7 famiglie italiane su 10 danno la “paghetta” ai propri figli, e circa l’82% dei genitori vorrebbe più educazione finanziaria a scuola

Ottobre è il mese dell’educazione finanziaria. Per l’occasione, la piattaforma di e-learning GoStudent e la Banca online N26 hanno voluto dare voce ai genitori italiani e conoscerne più da vicino prospettive e opinioni su temi come la “paghetta”, il risparmio e l’utilizzo del denaro. L’Italia infatti ha ancora molta strada da fare in questo ambito, ma è positivo il crescente interesse dimostrato da Millennials e Generazione Z.

L’analisi dei dati

Dallo studio condotto da N26 e GoStudent su un campione di genitori con figli della Generazione Alpha e Z è emerso che la “paghetta” è ancora una pratica ampiamente diffusa tra le famiglie italiane. Infatti, quasi 7 genitori italiani su 10 (66%) hanno dichiarato di dare la mancia ai propri figli per abituarli a fare qualche spesa in autonomia e responsabilizzarli.

Settimanale, mensile o “su richiesta”? In Italia, il 40% dei genitori è solito dare la mancia ai propri figli con cadenza settimanale. Il 22% preferisce, invece, dispensarla su base mensile. Grazie ad una somma percepita mensilmente i ragazzi, soprattutto quelli più grandi, hanno, infatti, l’opportunità di sviluppare maggiore autonomia nelle decisioni economiche e in una prospettiva di più lungo periodo. Sempre al 22% si attesta, invece, la percentuale di genitori che non hanno concordato una frequenza prestabilita. Il 15% dei genitori dà la “paghetta” su richiesta, in base alle esigenze dei figli. Solo l’1% la dispensa quotidianamente. Per 4 ragazzi su 10 la “paghetta” settimanale è tra i 10 e i 20 euro. Sono soprattutto gli adolescenti della fascia 14-16 a percepire questa cifra. Con il salire dell’età aumenta anche la quantità di denaro messo a disposizione dalle famiglie. Solo il 10% prende più di 50 euro di mancia ogni settimana e si tratta prevalentemente dei ragazzi dai 17 anni in su. Non ci sono invece differenze di genere: la somma destinata ai ragazzi e alle ragazze risulta essere la stessa.

Per il 45% delle madri e dei padri che hanno preso parte al sondaggio di GoStudent e N26 la “paghetta” non dipende assolutamente dal rendimento scolastico. Per il 28% dei ragazzi italiani, invece, andare bene a scuola rappresenta un incentivo per poter ottenere del denaro extra. Infine, l’11% dei genitori sostiene che la “paghetta” debba essere commisurata alle performance scolastiche e che dei buoni risultati nello studio siano una condizione imprescindibile. Niente mancia, quindi, se i figli vanno male a scuola. Il 99,5% dei genitori intervistati dice di essere a conoscenza dell’utilizzo che il proprio figlio fa della “paghetta”. Oltre il 50% la destina alle uscite con gli amici, mentre il 16% la usa prevalentemente per acquistare libri, videogiochi, film e musica. Più del 25%, infine, accantona regolarmente almeno una parte della paghetta, con lungimiranza e senza alcuna imposizione da parte dei genitori.

Le famiglie italiane, che sono tra le più attente al risparmio in Europa, guardano anche al futuro e concordano, quasi all’unanimità, sul fatto che educare bambini e ragazzi all’uso consapevole del denaro e all’importanza del risparmio contribuisca a prepararli al mondo e a renderli più responsabili. Infatti, sempre secondo il sondaggio, sono oltre il 91% i genitori che ritengono sia importante trasmettere ai propri figli, fin da quando sono piccoli, le prime nozioni di educazione finanziaria. Il 61% ha inoltre dichiarato di affrontare regolarmente il tema del risparmio e di fare tutto il possibile per trasmettere questo valore ai propri figli e sensibilizzarli. Il 30% dice, invece, di non discutere costantemente di risparmio, ma che, comunque, questo sia un argomento abbastanza ricorrente in casa. Solo il 2% degli intervistati non impartisce alcun tipo di insegnamento finanziario e sostiene di non considerarlo un aspetto fondamentale nel percorso di crescita dei propri figli.

Oltre 8 genitori su 10 vorrebbero che l’educazione finanziaria fosse affrontata sui banchi di scuola e inclusa nei programmi scolastici. Ad oggi, invece, gli insegnamenti finanziari sono ancora quasi completamente appannaggio delle famiglie italiane. Un fattore questo che può contribuire a creare disparità sociale e a far sì che temi come il valore del denaro e l’importanza del risparmio rimangano una prerogativa dei ragazzi con i genitori più istruiti e abbienti. In altri Paesi, come il Portogallo e in molti Stati americani, l’educazione finanziaria è, invece, da tempo materia scolastica obbligatoria. Nell’attesa che la finanza venga affrontata sistematicamente anche dalle scuole italiane, enti privati e istituti bancari possono rivestire un ruolo chiave e offrire un importante supporto alle famiglie. È, infatti, solo attraverso una cultura finanziaria solida che i nostri ragazzi saranno in grado di gestire gli imprevisti finanziari e assumere decisioni in futuro.

Nonostante la carenza di educazione finanziaria nel nostro Paese, il 64% dei genitori intervistati dice di essere soddisfatto di come sta gestendo la “paghetta” dei figli e di sentirsi a proprio agio nel sensibilizzarli ad un buon utilizzo del denaro. Il 37%, invece, non si sente per nulla o non del tutto all’altezza di questo compito e sono molti i genitori che vorrebbero poter contare su un supporto esterno per ciò che concerne l’educazione finanziaria dei propri figli.

Insomma, una prima paghetta per dare ai figli la responsabilità nella gestione di una piccola somma di denaro può essere un buon inizio, ma ancora più importante sarebbe passare – con l’aumento dell’età e delle cifre – a dare veri e propri consigli su come gestire al meglio il proprio risparmio, magari anche attraverso l’aiuto di un consulente finanziario. Una ricerca del Centro studi e ricerche Anasf  ha stilato l’identikit del professionista italiano, in grado di gestire un portafoglio che va dagli 11 agli oltre i 30 milioni di euro e circa 227 clienti con un patrimonio medio superiore ai 120 mila euro, nonostante la quota di risparmio veicolata verso i consulenti sia ancora piuttosto bassa nel nostro Paese e si attesta intorno al 20%.

“La cultura finanziaria è una competenza fondamentale per la vita. Dare una paghetta ai propri figli è un modo per lasciarli liberi di scegliere, ma anche per metterli alla prova, ponendo le basi di quell’educazione finanziaria di cui il nostro Paese è ancora carente. Infatti, avere a disposizione del denaro permette a bambini e ragazzi di soddisfare dei piccoli desideri, ma allo stesso tempo di imparare ad apprezzare il valore delle cose e a gestire i propri soldi” ha dichiarato Mariano Demartino, Country Manager di GoStudent Italia. “Questa indagine è solo la prima di tutta una serie di attività nate dalla sinergia tra GoStudent e N26. Grazie a questa partnership, vogliamo avvicinarci sempre di più alle famiglie e incoraggiare i genitori italiani, così come gli insegnanti, ad inserire l’educazione finanziaria nel proprio dialogo educativo”.

“Come banca digitale, N26 ha nel proprio dna l’obiettivo di avvicinare le persone al mondo della finanza con semplicità e sicurezza. Due parole chiave che devono, a mio parere, guidare anche i percorsi di alfabetizzazione finanziaria per i più giovani, affinché possano imparare a gestire le proprie finanze con competenza, ma soprattutto con serenità” ha commentato Andrea Isola, General Manager Italy and South-Eastern Europe di N26 Bank. “I dati emersi dalla ricerca con GoStudent tracciano una fotografia chiara: se da un lato i ragazzi si approcciano autonomamente al risparmio, iniziando ad accantonare parte della paghetta, dall’altro arriva una richiesta chiara da parte delle famiglie. C’è bisogno di formazione su questi temi, di interlocutori terzi che supportino le famiglie nei percorsi di educazione finanziaria che possono partire in casa, ma devono continuare altrove. La partnership tra N26 e GoStudent è un primo passo in questa direzione e l’impegno come banca è quello di continuare a mettere a disposizione il nostro know-how per la creazione di una cultura finanziaria sempre più solida e inclusiva”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti