Deutsche Bank: balzo dell’utile nel terzo trimestre

A
A
A
di Redazione 26 Ottobre 2022 | 08:48

Deutsche Bank ha registrato il suo utile ante imposte del terzo trimestre più alto dal 2006 a questa parte. In particolare, l’utile ante imposte è stato di 1,6 miliardi di euro, quasi triplicato rispetto ai 554 milioni del trimestre dell’anno scorso, mentre l’utile al netto delle imposte è stato di 1,2 miliardi di euro, più che triplicato rispetto ai 329 milioni di euro del terzo trimestre del 2021 e superiore alle attese degli analisti.

La crescita degli utili riflette una crescita del 15% su base annua dei ricavi netti (a 6,9 miliardi di euro, terzo trimestre migliore dal 2016) insieme a una riduzione dell’8% delle spese non da interessi. L’accantonamento per perdite su crediti è stato di 350 milioni di euro nel trimestre, rispetto a 117 milioni di euro nel trimestre dell’anno precedente.

I ricavi netti di Investment Bank sono stati di 2,4 miliardi di euro, in crescita del 6% anno su anno. All’interno della divisione, i ricavi in Origination & Advisory sono stati di 95 milioni di euro, in calo dell’85% anno su anno.

“Nel terzo trimestre e nei primi nove mesi del 2022, abbiamo ottenuto i nostri migliori profitti in più di un decennio per entrambi questi periodi – ha affermato l’ad Christian Sewing – Ciò sottolinea il successo dei nostri sforzi di trasformazione. Abbiamo notevolmente migliorato l’earnings power di Deutsche Bank e siamo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi per il 2022. Abbiamo la forza di stare al fianco dei nostri clienti in un ambiente più impegnativo, aumentando al contempo i rendimenti per i nostri azionisti”.

Deutsche Bank ha ulteriormente ridotto le sue esposizioni creditizie verso la Russia durante il terzo trimestre. Il rischio contingente aggiuntivo è stato ridotto a 0,2 miliardi, in calo rispetto a 0,6 miliardi alla fine del secondo trimestre. L’esposizione creditizia lorda è stata ridotta da 1,3 miliardi di euro a 1 miliardo di euro, mentre l’esposizione creditizia netta è stata di 0,5 miliardi di euro. Dal 2022 ad oggi, il rischio contingente aggiuntivo è diminuito dell’83% e l’esposizione creditizia netta è diminuita del 19%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti