Per Fineco un semestre in forte crescita

A
A
A
di Redazione 11 Settembre 2008 | 13:30
Fineco ha chiuso il primo semestre 2008 con un utile netto in crescita del 30% rispetto a giugno 2007. A spingere sui dati della prima banca diretta in Italia, guidata da Alessandro Foti, hanno contribuito il numero di eseguiti e i volumi intermediati.

Fineco ha chiuso il primo semestre 2008 con un utile netto pari a 42 milioni di euro, in aumento del 29% rispetto a 32 milioni pro-forma dello stesso periodo del 2007 e un Roe pari al 30,3%.

La raccolta complessiva (diretta più indiretta) ha raggiunto quota 16,8 miliardi, con un incremento dell’8% rispetto ai 15,5 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. La raccolta diretta (conti correnti e pronti contro termine) con clientela è stata pari a 8,7 miliardi con un incremento del 35,4% rispetto ai 6,4 miliardi di giugno 2007.

In particolare, è cresciuto il numero degli eseguiti complessivi che si sono attestati a 10,2 milioni in crescita del 23% rispetto agli 8,3 milioni dello stesso periodo dello scorso anno, mentre i volumi intermediati su tutti i mercati mondiali hanno raggiunto quota 154 miliardi.

A conferma delle ottime performance conseguite, da quanto emerge dal Rapporto semestrale di Assosim 2008 sui dati di negoziazione, l’istituto guidato dall’a.d., Alessandro Foti (nella foto a destra), si è confermato al primo posto nel mercato degli intermediari per numero di eseguiti nel segmento azioni Italia e per volumi intermediati.

Da segnalare, inoltre, gli ottimi risultati conseguiti dalla rete di promotori finanziari, che nel primo semestre 2008 si posiziona al secondo posto in Italia, secondo la classifica Assoreti, per raccolta netta totale che si è attestata a quota 950 milioni.

Da notare, infine, che il 7 luglio 2008 è finalmente avvenuta la fusione per incorporazione di Unicredit Xelion Banca in Fineco, che ha dato vita a una delle principali reti in Italia con 2.800 promotori finanziari, 495 negozi finanziari, 800 mila clienti e 32,6 miliardi di euro di asset.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X