Goldman Sachs, 215 milioni di dollari contro la discriminazione di genere

Goldman Sachs pagherà 215 milioni di dollari per la risoluzione di una causa ancora in corso relativa all discriminazione di genere per quanto riguarda retribuzioni, valutazione delle prestazioni e promozioni.

Come riportano le maggiori testate, si tratta di una class action portata avanti da 2800 donne impiegate in banca, in scia ad un’azione legale del 1997 da Cristina Chen-Oster, che era entrata nella banca dedicandosi ai bond convertibili e che nel 2005 aveva depositato un primo ricorso alla Us Equal Employment Opportunity Commission.

Un accordo che arriva prima dell’avvio del processo – previsto il 7 giugno a New York – e che chiude uno spiacevole capitolo per la banca americana, che si è però detta “orgogliosa del suo lungo percorso di promozione delle donne”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!