Consulenti: Ing, “la rete dei nativi digitali” prosegue nella crescita

Prosegue il percorso di sviluppo delle reti di ING Italia. La rete di Financial Advisors, costituita principalmente da giovani “nativi digitali” formati da ING in collaborazione con SDA Bocconi, e quella di agenti in attività finanziaria, hanno chiuso il primo trimestre complessivamente con 363 professionisti.

Crescita a doppia cifra per conto deposito, mutui e prestiti personali, incremento delle interazioni digitali e rafforzamento delle reti di financial advisors e di agenti sul fronte Retail Banking, sostegno all’economia italiana per Wholesale Banking, unite ad un’attenzione particolare all’evoluzione delle competenze digitali del Paese. Sono questi i principali risultati del primo trimestre 2023 di ING in Italia.

Risultati di business

Il primo trimestre di ING Italia è stato caratterizzato da una significativa crescita del business nel Retail Banking: in particolare Conto Arancio, il conto deposito non vincolato di ING, tornato alla ribalta con la campagna TV “Con Conto Arancio hai l’interesse senza fare un Tassooo”, ha fatto registrare inflows (flussi in ingresso) pari € 1 miliardo e 932 milioni, un valore maggiore del 78% rispetto all’anno precedente. Stesso trend positivo per Mutuo Arancio, il mutuo dal processo di richiesta 100% digitale, con il nuovo erogato pari a € 532 milioni, per una crescita dell’89% rispetto al primo trimestre del 2022.

In ambito finanziamenti, bene anche Prestito Arancio, il prestito personale interamente digitale che si ottiene in soli 5 minuti, con 54 milioni di nuovi prestiti (+50% vs primo trimestre 2022).

In crescita anche le masse gestite e amministrate, che complessivamente hanno visto un incremento del 9% rispetto all’anno precedente (3 miliardi e 236 milioni il totale al 31 marzo 2023).

ING Italia ha chiuso il primo trimestre con 1.194.000 clienti, di cui quasi 25.000 acquisiti nei primi tre mesi del 2023.

Un primo trimestre positivo anche per la divisione Wholesale Banking, che ha continuato a sostenere la crescita dell’economia italiana.

In particolare, sono stati finalizzate 6 operazioni di sustainable finance, tra cui 3 green & sustainable loans e 1 finanziamento nel settore delle rinnovabili. Collocati anche 2 green e SDG-linked bonds.

ING Italia ha inoltre sostenuto la clientela Corporate, le Financial Institutions e gli investitori nei settori infrastrutture e Real Estate attraverso operazioni di Lending, Debt Capital Markets, Derivati e l’offerta di prodotti di Trade Finance, Working Capital Solutions e Pagamenti.

Completa il quadro del business del primo trimestre 2023 l’NPL ratio – che misura la qualità del portafoglio crediti – pari al 2,17%, tra i più bassi nel settore bancario italiano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!