Banco Bpm e Cdp, 30 milioni a Mulino Antimo Caputo per nuovi impianti sostenibili

Sostenere lo sviluppo del settore agroalimentare, centrale per l’economia  italiana, contribuire a migliorare la qualità di un prodotto tipico del Made in Italy e accelerare la  transizione energetica. Questi gli obiettivi del finanziamento complessivo da 30 milioni che Banco Bpm e Cassa Depositi e Prestiti (CDP) hanno concesso, ciascuna con un prestito da 15 milioni, a Mulino Antimo Caputo, azienda campana produttrice di farine, per favorire gli investimenti green sul  territorio. 

Nel dettaglio, il progetto prevede la realizzazione di un nuovo stabilimento di oltre 16.000 m2 dedicato  al confezionamento di farine completamente alimentato da energia rinnovabile grazie  all’installazione di pannelli solari sull’intera area. L’orientamento della struttura, infatti, è stato  studiato per garantire il massimo rendimento energetico, pari a 2,5 Gigawatt. 

Il finanziamento sarà destinato anche alla progettazione e costruzione di un mulino, dotato delle  tecnologie più avanzate per la macinazione e la conservazione dei cereali che permetterà la  riduzione degli spazi di movimentazioni delle merci, comportando una diminuzione dei consumi fino  al 15%. Il complesso di molitura verrà costruito a Ripalimosani, in provincia di Campobasso, e 

consentirà di coprire fino al 50% del fabbisogno energetico della struttura, in virtù della particolare  posizione e della morfologia del territorio. Grazie alle risorse messe in campo da CDP e da Banco BPM, l’azienda realizzerà pertanto il primo mulino in Europa di ultima generazione costruito e  progettato con logiche moderne, orientato al massimo efficientamento energetico e all’utilizzo di  energia rinnovabile. 

Antimo Caputo, Amministratore Delegato dell’azienda familiare Mulino Caputo, ha detto:  “E’ fondamentale che istituzioni finanziarie come CDP e Banco BPM sostengano la filiera  agroalimentare, in particolare quella della molitura dei cereali, per continuare a incentivare gli  investimenti sostenibili e green di eccellenze del Made in Italy come Antimo Caputo, per supportare  le aziende ad essere un’avanguardia tecnologica e per generare un impatto positivo sul Mezzogiorno  e su tutto il territorio nazionale”.  

Questo finanziamento a favore di Antimo Caputo, realtà industriale centenaria dalla forte tradizione  familiare, conferma il sostegno di Banco BPM alle imprese virtuose capaci di innovare e rinnovarsi nel tempo – ha commentato Giuseppe Boscaino, Responsabile Mercato Corporate Centro Sud di Banco Bpm. Siamo orgogliosi di poter collaborare con la famiglia Caputo, in sinergia con CDP, mettendo a disposizione strumenti e competenze che ne agevolino la crescita e al contempo  contribuiscano a generare valore in ottica sostenibile. In particolare, il finanziamento concesso è del  tipo ‘Sustainable Linked Loan’ e prevede la condivisione con l’azienda di obiettivi di miglioramento  nell’ambito della sostenibilità grazie a specifici indicatori di performance (KPI ESG).” 

Luca Quadrini, Responsabile Finanziamenti Imprese di CDP, ha dichiarato: “Riteniamo  fondamentale sostenere il settore agroalimentare, comparto strategico del nostro Paese, per  continuare ad accompagnare la crescita delle eccellenze del Made in Italy nel mondo e generare un  impatto positivo sul tessuto economico del territorio. Con l’operazione a favore di Antimo Caputo,  confermiamo la nostra vicinanza a quelle aziende che stanno dimostrando grande capacità di  coniugare sostenibilità e tradizione, due leve importanti per proiettarsi con successo sul mercato nazionale e internazionale”. 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!