Tragedia nel veneziano, ex consulente radiato si suicida

Finisce nel peggiore dei modi la vicenda di Enrico Rigato, l’ex broker che aveva truffato decine di clienti per milioni di euro, trovato senza vita nella sua casa di Vigonovo, nel Veneziano, alle prime ore del 31 agosto. La notizia appare nella sezione del Veneto del sito del Corriere della Sera e su alcune testate locali online. Gli inquirenti ipotizzano il suicido. Il caso era esploso a marzo del 2022.

Ci eravamo occupati già in passato di Enrico Rogato, in occasione della sua radiazione dall’Albo dei consulenti finanziari. Di seguito il link all’articolo.

Ex dipendente di Banca Generali e IW Private Investments, dopo aver ricevuto da alcuni clienti la richiesta di riavere i soldi investiti, Rigato aveva visto bene di sparire con la cassa, stimata in oltre 3 milioni di euro (alcuni parlano anche di 10 milioni). I clienti truffati sono decine e decine, che corrispondono allo stesso stereotipo: lavoratori e pensionati, over 60, con una certa somma da parte, i risparmi di una vita.

A far presa sulle persone erano i modi amichevoli, visite a casa ripetute nel tempo, inviti a pranzo e cena, con i quali Rigato conquistava la fiducia delle persone. I soldi venivano gestiti con una versione “paesana” dello schema Ponzi. Inutile dire che Rigato si fosse fatto di conseguenza tanti nemici ed era infatti stato oggetto anche di minacce.

Riprendiamo la vicenda per porre ancora una volta l’attenzione sulla tutela dei risparmi dei piccoli investitori, che non hanno una figura di riferimento, e finiscono per imbattersi in persone senza scrupoli. L’educazione finanziaria può fare molto, mettendo in guardia le persone da coloro che assicurano rendimenti generosi, evidentemente fuori mercato.

BLUERATING continuerà a raccontare episodi del genere, finiti anche tragicamente, affinché nessun altro perda i propri soldi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!