Eurovita, clienti rassicurati con il Decreto legge del CdM

Con le decisioni assunte oggi dal CdM con il decreto legge sulle misure urgenti anche in materia di tutela del risparmio, si attenua la preoccupazione dei clienti della compagnia Eurovita che stante allo scenario poco chiaro riportato dai media in questi ultimi giorni, avevano creato imbarazzo e confusione a tutto il settore assicurativo vita.
Soprattutto – afferma la nota dell’organizzazione Federpromm (affiliata Uiltucs) – con tale importante intervento del Governo, si pongono le condizioni oggettive per rendere possibile il ristoro dei titolari delle polizze del Ramo I (gestioni separate), oltre quelle del Ramo II (Unit linked) che sono in attesa di poter riscattare e liquidare le polizze dopo la data di scadenza del blocco  fissata dall’organismo di vigilanza del 31 ottobre 2023-
Un segnale certamente positivo che ci auguriamo dia anche alla nuova compagine societaria  di Cronos la possibilità di avviare rapidamente l’informativa utile e il proprio piano di intervento a favore degli oltre 350mila clienti.
Riportiamo di seguito il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri nella parte riguardante l’intervento a favore della TUTELA DEL RISPARMIO ASSICURATIVO
“”””””
Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 51
25 Settembre 2023
Il Consiglio dei Ministri si è riunito lunedì 25 settembre 2023, alle ore 16.35, a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giorgia Meloni. Segretario, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano.
MISURE CONTRO IL CARO-PREZZI E DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE E ALLE IMPRESE
Misure urgenti in materia di energia, interventi per sostenere il potere di acquisto e a tutela del risparmio (decreto-legge)
………………………..omissis…………………..………………………………..
TUTELA DEL RISPARMIO ASSICURATIVO
Le imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia che, nell’esercizio in corso, acquisiscano il compendio aziendale di un’impresa di assicurazione posta in liquidazione coatta amministrativa potranno registrare, in sede di rilevazione iniziale, gli attivi finanziari riferiti alle gestioni separate dell’impresa in liquidazione al “valore di carico alla data di trasferimento” invece che “al prezzo di cessione”. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!