UniCredit rimossa dalla lista delle banche sistemiche globali

UniCredit è stata rimossa dall’elenco delle banche di importanza sistemica globale dal Financial Stability Board (FSB).

Come riporta Il Sole 24 Ore, l’organismo di governance finanziaria del G20 ha iniziato a stilare le classifiche annuali dopo la crisi finanziaria globale, imponendo ai maggiori istituti di credito del mondo di detenere un cuscinetto di capitale aggiuntivo e di sottoporsi a un controllo più severo delle loro operazioni.

Per quanto riguarda l’Italia, l’istituto di Piazza Gae Aulenti era l’unico ad essere considerato di importanza sistemica globale dall’organismo.

Non solo UniCredit, però: tra le big europee ad essere state escluse c’è anche Credit Suisse, mentre una grande new entry è quella relativa alla Bank of Communications cinese, aggiunta per la prima volta a questo particolare elenco.

Cambiamenti invece per Ubs – salita di un gradino dopo aver rilevato Credit Suisse nella prima fusione di due banche di importanza sistemica – e per Agricultural Bank of China e China Construction Bank, entrambe passate dal primo al secondo livello.

Sono 29 le banche presenti nell’elenco FSB: JP Morgan Chase, Bank of America, Citigroup, Hsbc, Agricultural Bank of China, Bank of China, Barclays, BNP Paribas, China Construction Bank, Deutsche Bank, Goldman Sachs, Industrial and Commercial Bank of China, Mitsubishi UFJ Fg, Ubs, Bank of Communications, Bank of New York Mellon, Groupe BPCE, Groupe Crédit Agricole, ING, Mizuho FG, Morgan Stanley, Royal Bank of Canada, Santander, Société Générale, Standard Chartered, State Street, Sumitomo Mitsui FG, Toronto Dominion e Wells Fargo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!