Intesa Sanpaolo, nasce la società di “Mutuo Soccorso” in aiuto a dipendenti e soci

Nasce la società Mutuo Soccorso, con l’obiettivo di perseguire finalità sociali in favore dei soci, dipendenti di Intesa Sanpaolo, in condizioni di svantaggio o difficoltà.

È quanto stabilito con un accordo firmato tra la Fabi e le altre organizzazioni sindacali con i rappresentanti del gruppo Intesa Sanpaolo. La società Mutuo Soccorso si occuperà di sostenere i 1.500 figli con disabilità non autosufficienti delle persone del gruppo Intesa Sanpaolo, sostenere i soci che si trovino in condizioni di svantaggio o difficoltà che non trovino copertura da altri enti welfare del gruppo e sviluppare l’iniziativa partita nell’ex gruppo Ubi “Dopo di Noi” prevedendo servizi di assistenza familiare ovvero contributi economici ai familiari dei soci deceduti in condizione di disabilità.

La società Mutuo Soccorso sarà attiva anche in altri contesti di solidarietà in cui gli altri enti del gruppo non hanno modo di operare. Secondo quanto stabilito dall’accordo sindacale, un’ottica di solidarietà è stata destinata una quota una tantum di 2 milioni di euro da quanto raccolto fino al 31 dicembre 2023 con l’iniziativa “Arrotonda Solidale”; a questa dotazione iniziale si aggiungerà, dal 1 gennaio 2024, una quota pari al 50% di quanto raccolto con l’iniziativa “Arrotonda Solidale”, garantendone contemporaneamente una continuità operativa. I soci ordinari di questo nuovo Ente saranno le lavoratrici e i lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato (inclusi gli “esodati” e pensionati) da: società del gruppo Intesa Sanpaolo con sede in Italia; Fondazioni bancarie da cui siano originate società del gruppo; società partecipate del gruppo Intesa Sanpaolo cui sia deciso di estendere la possibilità di adesione alla “Società” con accordo sindacale. La quota di iscrizione annuale è pari a 5 euro. Potranno essere iscritti anche i familiari non conviventi dei «soci ordinari» che ne facciano richiesta.

Grazie all’accordo sottoscritto l’azienda contribuirà con un ulteriore versamento pari a quanto verrà versato dai soci ordinari e, come una tantum a titolo straordinario, di una cifra pari a 350mila euro. “Un progetto sociale di altissimo valore all’interno di Intesa Sanpaolo, con previsioni in favore di circa 1.500 figli con disabilità di dipendenti del Gruppo. Con il “dopo di noi” si daranno tutele nel momento in cui i genitori non potranno più provvedere ai propri figli. Il progetto si concretizza attraverso la costituzione della nuova società Mutuo Soccorso a cui tutti i 70mila dipendenti di Intesa Sanpaolo potranno aderire, se vorranno, con una piccola quota associativa” ha commentato il coordinatore Fabi in Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!