Dossier “Reti, gli obiettivi per il 2024″: Banca Mediolanum

Il 2023 è ormai alle spalle e con lui, si spera, l’ormai arcinota “crisi” della raccolta del risparmio gestito che l’ha caratterizzato. E’ un auspicio, quello della ripresa degli afflussi legati all’asset management, che sembra oggettivamente legittimo, dato che, a detta degli operatori, le difficoltà del 2023 sono state il riflesso di quelle dei mercati dell’anno precedente. Applicando un semplice ragionamento deduttivo, viene da pensare che il 2024 potrebbe vedere un incedere degli apporti nel gestito derivante dall’andamento positivo dei mercati nel corso dell’anno appena concluso. Ma a fornirci l’ultima parola, come sempre, sarà direttamente il mondo della consulenza finanziaria.

Per questo BLUERATING ha voluto contattare le principali realtà dell’advisory in Italia per fornirvi un racconto sulle aspettative per il 2024 direttamente dalla voce dei protagonisti del settore.

BANCA MEDIOLANUM
Stefano Volpato, direttore commerciale

Il ritorno del rendimento dei Titoli di Stato e l’erosione inflattiva di questo ultimo anno e mezzo ci stanno facendo vivere un’epoca che definisco “il grande risveglio”. Gli italiani hanno sperimentato sulla loro pelle che lasciare troppa liquidità in conto è una scelta drammatica. Contemporaneamente il ritorno dei rendimenti dei Titoli di Stato ha fatto riscoprire agli italiani il bisogno di investire. Perché dicevo poco fa questa può essere un’età dell’oro per i consulenti finanziari? Perché questo è il momento di prendere per mano le persone e ricordare loro che il risparmio non è un fattore estetico, ha una funzione ben precisa, deve rispondere a tre grandi tematiche con cui le famiglie dovranno prima o poi confrontarsi, ovvero fragilità, bisogni e progetti di vita. Spesso ci confrontiamo con elementi certi della nostra vita, ad esempio il nostro invecchiamento, come se fossero fattori incerti e improbabili, guardiamo la vita in maniera statica e non dinamica. Ecco che accantonare ricchezza e renderla efficiente fa un’enorme differenza nella capacità delle persone a far fronte a eventi certi. Il mio auspicio è che il numero dei consulenti finanziari cresca in maniera esponenziale per poter dare una risposta efficiente a questo enorme bisogno di consulenza.  

Qui le precedenti puntate del dossier:
Fideuram Ispb
Allianz Bank FA

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!