Banco Bpm, leasing in vendita?

Non si fermano le operazioni in casa Banco Bpm. Come riportato da Milano Finanza, l’istituto di Piazza Meda starebbe pensando di rivolgersi ad un advisor finanziario per valorizzare una parte consistente delle proprie attività nel comparto del leasing. Sul mercato potrebbe finire un portafoglio di impieghi dal valore nominale di circa 400 milioni e lo stock sarebbe composto principalmente da crediti non performing. L’istituto vorrebbe avviare un processo competitivo per sondare i potenziali compratori e valutare poi se procedere alla cessione in base alle offerte ricevute.

In generale, l’obiettivo del piano industriale è quello ridurre ancora il npe ratio a circa il 3% nel 2026, raggiungendo un costo del rischio di 45 punti base. Per tagliare questo traguardo la banca azionerà una serie di iniziative tra cui una maggiore focalizzazione delle politiche creditizie, l’ulteriore specializzazione delle strategie di gestione delle posizioni ad alto rischio, l’evoluzione della piattaforma operativa di gestione del credito e il completamento del processo di gestione attiva degli npe.

Nel frattempo, però, il primo passo da completare è quello in programma l’8 febbraio, quando il board del Banco approverà i risultati 2023. Secondo i dati di consensus di Bloomberg, il conto economico dovrebbe registrare ricavi per 5,29 miliardi rispetto ai 4,7 miliardi dell’esercizio precedente, mentre l’ebit salirà da 2,17 a 2,7 miliardi. I profitti sono previsti a 1,16 miliardi rispetto ai 703 milioni del 2022.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Tag: