Lovaglio (Mps): “Consolidamento bancario rende più competitivi. Alleanze? Solo questione di tempo”

“Nel nostro Paese la dimensione dei grandi gruppi bancari è contenuta rispetto ai principali player internazionali. Ma quando si tratta di fare investimenti, sostenere l’economia e lo sviluppo del Paese e preservare il risparmio, le dimensioni contano. Per questo motivo, il consolidamento sarebbe un passo importante per essere più competitivi”. A dirlo è stato l’amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena, Luigi Lovaglio, nel corso di un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera. “Così come altre banche italiane, anche Mps sarebbe in grado di proseguire nella crescita da sola, ma penso che il processo di consolidamento sia solo una questione di tempo”.

Anche a livello strategico, Lovaglio ha le idee chiare, con l’obiettivo del riacquisto anticipato delle quote nella joint venture di bancaassurance con Axa, sfruttando i 3 miliardi di euro di capitale in eccesso: “La banca va più veloce e quest’anno ricominciamo a remunerare gli azionisti. Sul tema Axa, è evidente che le fabbriche prodotto consentono di generare un maggior gettito di commissioni, così da essere meglio equipaggiati quando i tassi scenderanno. Le risorse ci permettono anche di ripensare al modello di business che oggi si basa su partnership, per cui quella con Axa non rappresenta più una criticità nel caso di operazioni” ha detto l’ad.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Tag: