Le banche incontrano l’arte

A
A
A
di Stefano Porrone 3 Ottobre 2008 | 15:30
Si è svolto ieri l’altro a Milano un convegno organizzato dall’Associazione Italiana Analisti Finanziari. La conferenza, frutto del Gruppo di lavoro dedicato ai beni culturali, è servita ad analizzare innanzitutto le specificità gestionali di questo settore da parte delle istituzioni bancarie e il legame tra il mondo bancario e quello dell’arte.

Allo studio hanno contribuito importanti testimonianze di rappresentanti di grandi Gruppi bancari italiani e di autorevoli esperti del mondo dell’arte e della cultura.

ll tema del convegno è nato dalla consapevolezza che i beni culturali costituiscono una importante risorsa del nostro Paese: l’Italia, infatti, è conosciuta in tutto il mondo per il suo enorme patrimonio artistico, che però a differenza di quanto accade in altri paesi non è sufficientemente valorizzato dal punto di vista economico. Il turismo culturale e tutti i settori a esso collegati potrebbero beneficiare di una rinnovata politica di gestione, che garantirebbe anche, attraverso una migliore valorizzazione economica, la costosa tutela di questi beni.

Tra i soggetti che possono offrire un importante contributo alla valorizzazione del patrimonio artistico italiano, banche e fondazioni bancarie possono giocare un ruolo molto importante. Si tratta di attori non sempre sufficientemente conosciuti, ma risorsa importante per il mantenimento e lo sviluppo dell’arte.
In questa prospettiva AIAF ha voluto mettere in comunicazione esperti del mondo della finanza e dell’arte, contribuendo alla valutazione delle possibilità future del settore e alla possibilità di definire criteri di mercato trasparenti e simmetrici.

Hanno partecipato al dibattito Gregorio De Felice, Presidente dell’AIAF, Antonio Mansueto, Responsabile del Progetto AIAF beni culturali, esponenti di fondazioni private, quali Gabriele Mazzotta, Presidente dell’Accademia di Brera e della Fondazione Mazzotta e Philip Rylands della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, responsabili dei beni culturali degli istituti bancari italiani più vicini all’arte quali Francesco Pelle di BNL, Catterina Seia di UniCredit Group e Fatima Terzo di Intesa Sanpaolo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Arte da condividere

Eredità di valori

Maastricht: Per 10 giorni capitale mondiale dell’arte

NEWSLETTER
Iscriviti
X